Il virus sta migliorando la diffusione nell'aria: «Ora corre 100 volte di più». Lo studio dagli Stati Uniti

Sabato 18 Settembre 2021 di Simone Pierini
Il virus sta migliorando la diffusione nell'aria: «Ora corre 100 volte di più». Lo studio dagli Stati Uniti

Il virus si sta evolvendo (in peggio per noi) migliorando la sua diffusione nell'aria. Ad affermarlo sono i ricercatori dell'Università del Maryland che attraverso uno studio hanno scoperto come le persone che si sono infettate con la variante Alpha (più conosciuta come variante inglese) che ha innescato la devastante seconda ondata in Gran Bretagna prima di allargare le maglie nel resto d'Europa, erano in grado di "espellere" nell'aria fino a 100 volte più virus rispetto al ceppo originario di Wuhan. E di conseguenza, seppur ancora non dimostrato ufficialmente, la variante Delta sembra che riesca a trasmetterlo ancora più volecemente. 

 

 

Le varianti migliorano la diffusione del virus nell'aria: lo studio

L'autore principale dello studio, il dott. Don Milton, ha affermato che i risultati indicano come le varianti  «continuino a migliorare la diffusione del virus nell'aria». La ricerca, che si basava sul monitoraggio dell'aria espirata dai volontari contagiati all'interno di una macchina, ha anche dimostrato come le maschere chirurgiche e di stoffa siano in grado di dimezzare la quantità di virus espirata da una persona infetta. 

 

 

Lo studio sulla variante Alpha

Gli esperti al momento si sono concentrati sul ceppo della variante Alpha, emerso nel Kent lo scorso autunno e diventato dominante nel Regno Unito a gennaio e negli Stati Uniti a marzo. Questo perché al momento della ricerca si trattava della variante prevalente. La variante Delta, che è stata avvistata per la prima volta in India lo scorso ottobre, ha rapidamente superato l'Alpha diffondendosi in Gran Bretagna e in America entro luglio.

 

 

Lo studio, pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Diseases, ha esaminato 49 persone contagiate da variante Alpha e da ceppi precedenti del virus – asintomatiche o con sintomi lievi – tra maggio 2020 e aprile 2021. I partecipanti hanno respirato in un'auto per 30 minuti senza indossare la mascherina e 30 minuti con la mascherina.

 

 

L'esperimento sui volontari dentro un'auto

Ai volontari è stato chiesto di ripetere l'alfabeto e di cantare "buon compleanno" tre volte durante l'esperimento. I ricercatori nanno scoperto che la quantità di virus espirata dalle persone infette variava da 43 a 100 volte superiore rispetto ai ceppi precedenti. Considerata inoltre una maggiore carica virale presente nella variante Alpha rispetto alle precedenti, i ricercatori hanno concluso che i livelli di virus circolanti nell'aria erano 18 volte superiori rispetto alle versioni precedenti di Covid. Indossando la mascherina la presenza scendeva del 48%.

 

Simone Pierini

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 17:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA