Asili gratis, ecco perché il bonus per il 94% va al Nord

ARTICOLI CORRELATI
di Marco Esposito

  • 142
«Il primo, immediato intervento sarà sugli asili nido. Non possiamo indugiare oltre». Ogni capo di governo cerca un'azione, concreta e simbolica, con la quale far partire il proprio mandato subito dopo avere ottenuto la fiducia. E Giuseppe Conte ha scelto di partire dai nidi, settore sia sociale sia educativo nel quale l'Italia è in forte ritardo rispetto all'obiettivo europeo di offrire un posto almeno al 33% dei piccoli sotto i tre anni, target che l'Italia si era obbligata a raggiungere entro il 2010 mentre nel 2016 - ultima rilevazione Istat - siamo appena al 21,6% tra strutture pubbliche e private, con il Mezzogiorno molto indietro in particolare per Puglia (13,6%), Sicilia (9,3%), Calabria (8,8%) e Campania (fanalino di coda con il 6,7%).
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 11 Settembre 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 11-09-2019 12:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP