Sciopero degli studenti in 70 città:
«No all'alternanza scuola-lavoro»

Sciopero scuola, studenti in piazza in 70 città
5
  • 34
L'Unione degli studenti, ha organizzato manifestazioni in 70 città italiane. Si tratta del primo sciopero dell'anno, contro l'alternanza scuola-lavoro. Gli studenti indosseranno tute blu contro lo sfruttamento e per un'alternanza di qualità. In piazza anche gli universitari di Link contro i tirocini-sfruttamento.

«Oggi abbiamo convocato il primo sciopero dell'alternanza scuola lavoro. Chiediamo al Ministero dell'istruzione che fine abbia fatto lo statuto delle studentesse e degli studenti in alternanza scuola- lavoro e il codice etico per le aziende? Siamo stanchi di aspettare!», dichiara Francesca Picci, Coordinatrice nazionale dell'Unione degli studenti - «Come studenti viviamo sulla nostra pelle i disagi di questo modello di alternanza scuola- lavoro, noi siamo studenti, non merce nelle mani delle aziende.»
Venerdì 13 Ottobre 2017, 08:11 - Ultimo aggiornamento: 13-10-2017 13:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-10-13 17:47:18
Ai miei tempi c'erano le scuole "Arte e Mestiere"che sfornavano idraulici,elettricisti,saldatori,muratoriecc tutti pronti ad entrare nel mondo del lavoro.Oggi quel 60% di giovani non laureati e non diplomati sa fare "NIENTE" e andrà a far parte di quei cinque milioni di lavoratori nel lavoro "BUIO PESTO" che oggi si chiama nero o sommerso.
2017-10-13 17:41:07
Per abolire la legge 107/2015 ci vuole il referendum.I nostri giovani sono i meno preparati in Europa e qualcuno come Sinistra molto sinistra li vuole sempre più ignoranti,come pecorelle che seguono anche i pastori che le portano al macello.
2017-10-13 12:38:47
Si vuole solo la cancellazione dell'alternanza. Che qualcosa sia ancora perfettibile, non ci piove. Ma non si stava da anni osservando che c'è un distacco enorme tra Scuola e territorio, tra Scuola e realtà produttive? Ebbene, questo momento è arrivato. Si programmi e pianifichi meglio il tutto, senza arrivare all'ultimo momento a dover riempire delle caselle. Se poi, dove si va a vivere l'esperienza, si dovesse passare dalla teoria alla pratica, non si gridi subito allo sfruttamento! A meno di non rimanere inchiodati alla prima. Ma anche in tal caso non salterebbe fuori qualcuno a criticare ed a lamentarsi che è sterile, che si annoia?
2017-10-13 10:41:54
I simpatici studenti (sicuramente TUTTI bravi ragazzi e con voglia di studiare) questa mattina hanno ben pensato di sfilare su via Salvator Rosa. Il corteo ovviamente non era autorizzato visto che non c'erano forze dell'ordine a presidiarlo. Però, siccome a Napoli siamo bravi ad arrangiarci, qualcuno dei bravi ragazzi ha ben pensato di difendere il corteo autonomamente prendendo a calci qualche scooter che provava a superarli. Ad un certo punto sentiamo una sirena: pensiamo che le forze dell'ordine abbiano saputo del corteo e siano venuti a dare un occhio. Effettivamente un'auto dei vigili urbani ci sta raggiungendo a sirene spiegate, lampeggianti e luci supplementari accese. Arriva da dietro al corteo. Lo supera. Vabbè - pensiamo tutti noi in ostaggio dei bravi ragazzi - ora si mettono davanti al corteo e lo gestiscono. E invece no! Superano il corteo, spengono le sirene e vanno via. Gli occupanti ridono di noi che dobbiamo superare la "manifestazione" sperando di non finire a botte con nessuno dei simpatici studenti.
2017-10-13 09:15:38
Bravi, scioperate pure. Ma domandatevi: chi vi prende a lavorare dopo la laurea senza avere un pizzico di pratica? Scaldasedie che si sentono fenomeni solo davanti ad una tastiera ne abbiamo abbastanza.

QUICKMAP