Università: patto Bocconi, Vanvitelli e Stoà contro la fuga dei cervelli

Lunedì 29 Luglio 2019
Migliorare la competitività delle imprese, favorire la modernizzazione della pubblica amministrazione e arginare il fenomeno della fuga dei cervelli dalla Campania. Al via la partenership di Stoà con l'Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli e con la Sda Bocconi School of Management.

L’intesa è stata presentata a Napoli nel corso di un incontro al quale hanno preso parte Giuseppe Paolisso, rettore della Vanvitelli, Elio Borgonovi, docente senior dell'Università Bocconi e i vertici di Stoà il presidente Paolo Scudieri e l'amministratore delegato Enrico Cardillo.

Presentati per l'occasione il master in direzione d'impresa - business innovation, accreditato Asfor, giunto alla sua XXVIII edizione, e il nuovo corso di Alta Formazione in Public Management, che si realizza con il contributo didattico e scientifico di Sda Bocconi School of Management. I nuovi percorsi formativi assicureranno agli allievi competenze in chiave 4.0, ma saranno anche titolo di valutazione per i concorsi pubblici.

«Si dimostra così – ha spiegato Cardillo - che anche nel Mezzogiorno si fa buona formazione quando soggetti diversi e qualificati fanno sistema. L’alleanza tra le tre prestigiose Istituzioni ha l'obiettivo di migliorare la competitività delle imprese e favorire la modernizzazione della pubblica amministrazione». Secondo il presidente Scudieri, «fare rete è la strada da seguire perché la Campania e il Mezzogiorno diventino un cluster attrattivo di talenti».

Per il rettore Paolisso, «la qualità dell'offerta formativa e l'inserimento veloce sul mercato del lavoro a fine percorso sono la risposta migliore per contrastare l'emigrazione di tanti giovani che vanno fuori Regione per trovare eccellenti occasioni di formazione e successo sul mercato del lavoro».

«Questa partnership – ha aggiunto Borgonovi – rappresenta una sfida incentrata sulla creatività e sulla condivisione delle competenze. L'alta formazione è indispensabile anche per rafforzare la trasparenza del mercato del lavoro». © RIPRODUZIONE RISERVATA