Il ministro Manfredi: «All'università si iscrivono più ragazze, ma solo il 20% studia Informatica»

Martedì 6 Ottobre 2020

All'università si iscrivono più ragazze che ragazzi, ma le studentesse in Ingegneria infomatica sono solo il 20%. «Vivendo in una società sempre più orientata a creare posti di lavoro in materie Stem, ci troviamo con il paradosso che all'università si iscrivono più ragazze che ragazzi, però, nei corsi di informatica o ingegneria informatica le donne sono solo il 20%. Probabilmente questo è frutto di pregiudizio o di false credenze, dobbiamo colmare il gap insieme al mondo della scuola perché spesso questi stereotipi nascono a scuola o in famiglia». Lo ha detto il ministro dell'Università Gaetano Manfredi aprendo i lavori della dodicesima edizione dello Young International Forum, la tre giorni dedicata all'orientamento all'università e al lavoro che si terrà fino all'8 ottobre in versione digitale. Sul divario formativo tra Nord e Sud Manfredi punta ad un'azione interministeriale: «L'investimento sarà importante ma dovrà avvenire a monte, già nella scuola, a tutti i livelli, soprattutto quello tecnologico-digitale. Il tema è fortemente legato alla marginalità sociale - ha affermato - e la scuola, insieme all'università deve tornare ad essere un ascensore sociale che permetta ai giovani di costruirsi un futuro».

Rivoluzione digitale, è l'ora delle ragazze: il caso dell'azienda con più laureate Stem

Fase 3, Bonetti: «Bando da 2 milioni per promuovere materie Stem, soprattutto tra bambine e ragazze»

Ultimo aggiornamento: 15:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA