Università: test d'ingresso tra tamponi, green pass e le prove a distanza

Domenica 29 Agosto 2021 di Mariagiovanna Capone
Università: test d'ingresso tra tamponi, green pass e le prove a distanza

Sono i giorni dello studio e delle simulazioni a oltranza. E stavolta, per alcune facoltà, i test d'ingresso saranno accessibili soltanto con il Green Pass, mentre per molti altri indirizzi le prove saranno a distanza. Un modo, quest'ultimo per evitare la bagarre dello scorso anno con la pioggia di ricorsi sostenuti dai candidati, bloccati a casa da quarantene obbligatorie. Quest'anno le modalità scelte dal governo Draghi con il dl del 6 agosto impongono l'esibizione del certificato verde ma anche l'autocertificazione di sugli eventuali sintomi riconducibili al Covid-19 nei 14 giorni precedenti e di avere eseguito un test antigenico rapido o molecolare, effettuato mediante tampone oro/rino-faringeo non oltre 48 ore prima. Altro veto per coloro che dovranno sostenere i test d'ingresso è di mantenere la mascherina Fpp2 per tutta la durata della prova. 

I primi a partire, mercoledì, sono i 1.920 candidati di Veterinaria, poi venerdì tocca ai 4.327 di Medicina, mentre per Farmacia e Chimica e Tecnologia Farmaceutiche la selezione avverrà l'8 settembre. Per i corsi di laurea triennale in Professioni Sanitarie, che forma soprattutto futuri infermieri, la prova si sosterrà il 14 settembre ma c'è tempo fino a martedì per presentare la domanda, mentre per la magistrale se ne parla il 29 ottobre. Il resto dei corsi a numero programmato avranno invece una prova in modalità telematica a distanza o, in minor numero, in base al voto di laurea. 

Video

I primi a partire sono i 1.920 candidati per il corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina Veterinaria della Federico II che mercoledì dovranno presentarsi alle 9 al Complesso Universitario di Monte Sant'Angelo di Via Cinthia. Un numero di iscritti nettamente superiore rispetto al 2020 quando erano appena 1.569. I posti disponibili sono però appena 65. Scendono invece i candidati per Medicina e Chirurgia alla Federico II, che dai 4.508 dell'anno scorso sono passati a 4.327 per 558 posti (11 in meno rispetto allo scorso anno), a cui aggiungere altri 50 per Medicina e Chirurgia tecnologica e 60 posti per Odontoiatria e Protesi Dentaria. Numero stabile, sui 1.300, all'Università Vanvitelli che ha 550 posti per Medicina e 35 per Odontoiatria. Il 9 settembre, infine, si terrà la prova per il corso Medicina e Chirurgia in Lingua Inglese: arrivate 696 domande alla Federico II.

Il 6 settembre toccherà ai 533 candidati per Architettura-Ingegneria edile con la novità della prova che si svolgerà esclusivamente in modalità a distanza, con 329 posti in lizza. I corsi di laurea triennale a numero programmato vedranno a migliaia partecipare a Professioni Sanitarie: la selezione si terrà il 14 settembre e la suddivisione dei posti disponibili tra i tanti è 420 in Infermieristica, 40 Infermieristica pediatrica, 60 Ostetricia, 70 Fisioterapia, 32 Logopedia, 40 Tecnica di radiologia medica. Per loro i test saranno in presenza mentre la triennale Scienze dell'Architettura, con 250 posti disponibili, terrà le prove a distanza il 6 settembre. A distanza anche la magistrale a ciclo unico in Farmacia e Chimica e Tecnologia Farmaceutiche che terranno le prove in presenza l'8 settembre, con 300 posti per il primo corso e 120 il secondo; e le triennali Scienze e tecniche psicologiche, Scienze Gastronomiche Mediterranee, Hospitality Management, Culture digitali e della comunicazione, Biotecnologie per la salute, Viticoltura ed enologia. L'intero processo tecnico di svolgimento della prova sara curato e demandato interamente alla Selexi. Terranno invece una prova a distanza mediante Tolc attraverso il Portale del Cisia, i corsi di laurea in Biologia, Biotecnologie biomolecolari ed industriali, Chimica, Ingegneria Meccatronica. 

Per coloro che terranno i test d'ingresso in presenza, l'accesso alle aule sarà concessa soltanto ai possessori del documento di identità e la certificazione verde. Altro documento da non dimenticare è l'autocertificazione con i propri dati personali in cui dichiarano di non essere in quarantena o in isolamento domiciliare fiduciario; di non essere positivo o positivi in passato, di aver ricevuto un accertamento di completa guarigione; di non presentare sintomi respiratori o influenzali o febbre superiore a 37,5 gradi, o, comunque, sintomatologia riferibile al Covid; di non essere stati a contatto con persone positive negli ultimi 14 giorni. Una volta in aula, i candidati dovranno indossare sempre la mascherina Fpp2 e mantenere il distanziamento. L'accesso alla sede della prova sarà consentito solo ed esclusivamente ai candidati: divieto d'ingresso invece per eventuali accompagnatori. Mamma e papà dovranno aspettare a casa. 

Ultimo aggiornamento: 30 Agosto, 08:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA