Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'Europa e il rebus dei migranti al centro dei discorsi di Papa Francesco sull'isola di Malta

Venerdì 1 Aprile 2022 di Franca Giansoldati
L'Europa e il rebus dei migranti al centro dei discorsi di Papa Francesco sull'isola di Malta

Città del Vaticano – La guerra che continua a mietere vittime in Ucraina, i milioni di profughi ai confini dell'Europa, le incertezze sul futuro europeo faranno da inevitabile sfondo al viaggio del Papa a Malta, deciso a suo tempo ma più volte rimandato a causa del Covid, per parlare di immigrazione nel Mediterraneo. Il 36esimo viaggio del pontefice inizierà domattina e durerà due giorni sull'isola nella quale fu naufrago l'apostolo Paolo nel 60 d.C. Nei cinque discorsi previsti la grande questione che sarà affrontata da Francesco è quella dei migranti, tema che dal Mediterraneo in questo ultimo mese si è spostato ai confini polacchi, ungheresi, moldavi, romeni. 

 

Papa Francesco riconosce il genocidio culturale dei nativi canadesi e chiede scusa per le violenze

 

L’Organizzazione Internazionale per la Migrazione (IOM) ha stimato che il numero di morti e dispersi in mare nel primo mese del 2022 sia di 354. Le prime cinque nazionalità dei migranti sono tunisina, egiziana, bangladese, siriana e ivoriana. In Italia, invece, secondo i dati del Ministero dell’Interno  dal primo gennaio al 31 marzo 2022, sono sbarcati 6.770 migranti, tanti quanti quelli nello stesso periodo del 2021. I minori non accompagnati, invece, ammontano a 842. Dall’inizio del conflitto in Ucraina, avviato il 24 febbraio con l’invasione russa, sono arrivati in Italia complessivamente 78.021 persone, di cui 40.204 donne, 7.659 uomini e 30.158 minori. Le città di destinazione dichiarate all’ingresso in Italia continuano a essere Milano, Roma, Napoli e Bologna. Il governo italiano ha stanziato 428 milioni di euro per l’accoglienza.

Ad accogliere Papa Francesco sarà il nuovo premier laburistqa Robert Abela dopo la vittoria elettorale del 26 marzo. Abela, già premier uscente dopo aver sostituito il dimissionario Joseph Muscat nel gennaio 2020, ha prestato giuramento alcuni giorni fa, accelerando le tappe istituzionali in vista dell'accoglienza al pontefice.

Domani pomeriggio il Papa partirà da Valletta a bordo di un traghetto veloce per andarea a Gozo dove terrà un incontro di preghiera presso la Basilica della Beata Vergine di Tà Pinu.
Domenica mattina, dopo un incontro privato con i Gesuiti presso la Nunziatura, visiterà la Grotta di San Paolo nella Basilica di San Paolo a Rabat, poi celebrerà la messa a Floriana che includerà anche la preghiera dell’Angelus. Prima di lasciare Malta, Papa Francesco visiterà i migranti al Laboratorio della Pace a Hal Far.

Il viaggio sarà anche un test sulla salute del pontefice che da tempo soffre di una dolorosa infiammazione al ginocchio che a volte gli impedisce di restare a lungo in piedi o di camminare. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 16:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA