​Orge in canonica, Andrea Contin dimesso dallo stato clericale

​Orge in canonica, Andrea Contin dimesso dallo stato clericale
PADOVA - Il vescovo di Padova, monsignor Claudio Cipolla, dopo aver informato l’interessato lo scorso 3 marzo, e il presbiterio diocesano riunito per il ritiro quaresimale questa mattina, comunica che Andrea Contin è stato dimesso dallo stato clericale. La decisione è stata notificata al vescovo di Padova dalla Congregazione per il Clero, presieduta dal prefetto cardinale Beniamino Stella, a cui era stata consegnata la documentazione relativa al procedimento canonico del Tribunale ecclesiastico diocesano.
 
Il provvedimento è inappellabile e non soggetto a ricorso e prevede, per Andrea Contin, la dispensa dagli obblighi del ministero presbiterale e dal celibato, senza per questo che venga meno la possibilità di partecipare alla vita della comunità cristiana. Il vescovo Claudio comunica questo provvedimento con profonda amarezza e sofferenza e invita ancora una volta a pregare per Andrea Contin, per i sacerdoti e per i fedeli tutti che si sono trovati smarriti di fronte alle vicende che hanno visto coinvolto l’ex presbitero e arrecato tanto danno alla Chiesa.

«È un momento di sofferenza per tutti – sottolinea mons. Claudio Cipolla – per Andrea Contin e la sua famiglia, per i nostri preti, per le persone coinvolte, per i fedeli tutti e i parrocchiani che lo hanno conosciuto. Non possiamo pensare che si sia giunti a questa decisione così grave senza che siano stati vagliati tutti gli elementi in gioco e per il bene della Chiesa e di Andrea Contin stesso. Ci vorrà tempo per rimarginare le ferite e trovare percorsi di fiducia per quanti si sono sentiti offesi o sono stati confusi da quanto accaduto».
Giovedì 8 Marzo 2018, 12:30 - Ultimo aggiornamento: 08-03-2018 14:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP