Papa Francesco va in Africa, viaggio lungo e difficile anche per le condizioni politiche in Mozambico

Venerdì 30 Agosto 2019 di Franca Giansoldati

La prossima settimana Papa Francesco, 83 anni a dicembre, partirà per un lungo viaggio in Africa dove toccherà, dal 4 al 10 settembre, il Mozambico, il Madagascar e farà tappa per poche ore a Mauritius, a trovare il cardinale amico dei poveri. Una visita che si annuncia faticosa e piena di insidie, soprattutto in Mozambico, in piena campagna elettorale per le presidenziali: la nazione che esce da 40 anni di guerra civile, è appena stato firmato un accordo di pace (il terzo) considerato piuttosto fragile, in un contesto politico permeato dalla corruzione. 
Papa Francesco il 29 settembre dedica una grande messa ai migranti
Stamattina Francesco ha rivolto  ai mozambicani un messaggio: «Caro popolo del Mozambico! Tra pochi giorni inizierà la mia visita al vostro Paese e, anche se non posso andare oltre la capitale, il mio cuore raggiunge e abbraccia tutti voi, con un posto speciale per coloro che vivono in difficoltà. Vorrei lasciarvi questa certezza: siete tutti nelle mie preghiere. Non vedo l'ora di incontrarvi (...) vi invito tutti ad unirvi alla mia preghiera perché Dio, Padre di tutti, consolidi la riconciliazione, la riconciliazione fraterna in Mozambico e in tutta l'Africa, unica speranza per una pace solida e duratura».
Papa Francesco: «Salviamo l’Amazzonia dai roghi che devastano il polmone della terra»
Francesco avrebbe voluto visitare altri luoghi, e non solo la capitale, ma le condizioni di sicurezza non lo consentono. Solo alcuni giorni fa sono stati decapitate cinque persone nel Nord del Paese da terroristi. 
Papa Francesco lancia appello all'Europa: «Basta naufragi e tragedie nel Mediterraneo»
Durante la trasferta nei tre paesi, sono attesi discorsi importanti sul clima, sulla povertà, sullo sfruttamento delle risorse e sulle migrazioni.

Papa Francesco scrive ad Assad e ricorda al mondo che la guerra in Siria è ancora in corso

Ultimo aggiornamento: 14:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA