Papa Francesco: «La corruzione è più pericolosa del virus dell'influenza»

ARTICOLI CORRELATI
di Franca Giansoldati

La corruzione «è più pericolosa di un virus influenzale». Papa Francesco durante l'udienza generale riassume il senso del suo recente viaggio in America Latina e torna a parlare di corruzione. La aveva definita un «pantano che rovina l'anima dei popoli», un male che deriva dal «peccato originale», una deriva preoccupante. Ne aveva parlato a lungo sia in Cile che in Perù dove il presidente peruviano ha rischiato l'impeachment per una maxi inchiesta partita dalla "mani pulite" del Brasile, il famoso caso Odebrecht (definito da Papa Francesco «una piccola cosa»).

«Non so se qui avete sentito parlare di corruzione... Non c'è solo in America Latina, ma  anche qua», ha detto Francesco, parlando a braccio. «La corruzione è più pericolosa dell’influenza ma si mischia e rovina i cuori. La corruzione rovina i cuori. Per favore, no alla corruzione». Tornando a Roma, sul volo di ritorno, rispondendo alla domanda di un giornalista il Papa aveva evidenziato il rischio per i politici, nelle cui mani risiede molto potere, e per gli imprenditori. 
Mercoledì 24 Gennaio 2018, 11:12 - Ultimo aggiornamento: 24-01-2018 12:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP