Papa Francesco, il rientro dei Lefebvriani sempre più vicino

Martedì 4 Aprile 2017 di Franca Giansoldati
Papa Francesco, il rientro dei Lefebvriani sempre più vicino

Città del Vaticano  Un tassello dopo l’altro. Senza fretta. Del resto ci vuole un po' di pazienza anche se il cammino di riavvicinamento, dopo lo scisma provocato dalle quattro ordinazioni episcopali illegittime di monsignor Marcel Lefebvre nel 1988, è a buon punto e va avanti spedito. Non si arresta dal Giubileo del 2000, quando i lefebvriani arrivarono a Roma in pellegrinaggio. Si avviarono colloqui, iniziarono le trattative per il rientro, con una serie di passaggi importanti. La liberalizzazione del messale preconciliare, la cancellazione delle scomuniche ai vescovi della Fraternità da parte di Benedetto XVI. Il testimone, una volta passato a Papa Francesco è stato portato ancora più avanti, con  la convinzione che prima o poi il dossier sui lefebvriani andasse chiuso positivamente.

 Papa Bergoglio ha primia concesso ai preti ultra tradizionalisti di confessare senza limiti temporali  e oggi ha comunicato loro, attraverso un documento, che i matrimoni celebrati dalla Comunità sono da considerare validi dal punto di vista sacramentale. Piano piano e la spaccatura teologica sta rientrando quasi naturalmente. Il nodo più ostico da fare digerire ai seguaci di Lefebvre resta l’accettazione dei principi Conciliari, sui quali nessun pontefice ha mai voluto transigere. Ma è ormai questione di tempo.

Da qualche mese è anche stata sottoposta alla Comunità San Pio X l’idea di diventare una Prelatura, proprio come l’Opus Dei, che gode di ampia discrezionalità giuridica e organizzativa pur dipendendo dalla Santa sede. «Da qualche mese stiamo studiando come perfezionare alcuni aspetti della Prelatura personale» ha spiegato l’arcivescovo Guido Pozzo, segretario della commissione «Ecclesia Dei» incaricata del dialogo con la Fraternità San Pio X. Ricucire lo scisma dei Lefebvriani è uno degli obiettivi che Papa Francesco sta cercando di raggiungere. Una missione complessa, come hanno dimostrato i tentativi già messi in atto dai suoi predecessori, ma tutti sembrano ottimisti. Le possibilità di raggiungere il traguardo sembrano sempre più concrete.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA