Macron giura al Laterano: «Svilupperò i legami con il Vaticano per la pace e il bene comune»

di Franca Giansoldati

CITTA' DEL VATICANO – Con mezz'ora buona di ritardo, esattamente come era accaduto in mattinata con l'udienza con il Papa, il presidente francese Macron ha fatto ingresso alla basilica del Laterano per la cerimonia di conferimento del titolo di protocanonico d'onore del capitolo lateranense, rinnovando una tradizione che va avanti dal 1604. «Dopo la mia elezione - ha detto - ho deciso di accettare questo invito perchè appartiene a una tradizoine di concordia e amicizia tra la Francia e il Vaticano e a cui sono attaccato. Come tutte le tradizioni lontane e forse un po' oscure, dicono che il nostro re Enrico IV, quando cercava di fare capire la sua politica al pontefice per ringraziare ha dato nuova vita a un privilegio di una rendita in Francia, permettendo di tessere legami (…) Oggi la presenza del capo di sSato francese sottolinea l'importanza di approfondire i legami con la Santa Sede. Ne ho parlato con Papa Francesco anche stamattina. Vorrei che si sviluppassero ancora per la pace e il bene comune».

Dopo la celebrazione, con la preghiera e la lettura di un testo biblico, Macron è spostato nella cappella Colonna, dove ha firmato i documenti per la presa di possesso de ruolo di canonico, ricevendo in dono una copia della croce lateranense, che gli verrà consegnata da monsignor Enrico Feroci, camerlengo del capitolo e direttore della Caritas Romana. Successivamente, Macron si è diretto verso il chiostro della basilica di San Giovanni in Laterano. Al Presidente della Repubblica francese è stato anche mostrato la statua bronzea di Enrico IV, primo protocanonico d'onore, collocata nel portico di Sisto.
Martedì 26 Giugno 2018, 15:43 - Ultimo aggiornamento: 26-06-2018 17:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP