Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Papa Francesco cancella la messa e la processione del Corpus Domini, non può camminare e deve stare a riposo

Lunedì 13 Giugno 2022 di Franca Giansoldati
Papa Francesco cancella la messa e la processione del Corpus Domini, non può camminare e deve stare a riposo

Città del Vaticano - Niente messa e processione del Corpus Domini. Papa Francesco ha cancellato il rito solenne che si tiene subito dopo la Pentecoste. «Per le limitazioni imposte al Papa dalla gonalgia e per le specifiche necessità liturgiche della celebrazione, non si celebrerà la Santa Messa e Processione con la Benedizione Eucaristica in occasione della Festa del Corpus Domini» si legge nello scarno comunicato emesso dall'ufficio stampa d'Oltretevere, senza specificare altro sulle cure cui è sottoposto dai medici il pontefice. Negli anni passati - prima del Covid - il rito si svolgeva tra la basilica di San Giovanni e la basilica di Santa Maria Maggiore. La processione si sviluppava nel tragitto tra le due chiese mentre il pontefice guidava i fedeli e i celebranti, solitamente cardinali, patriarchi, archivescovi e vescovi. 

Papa Francesco si scusa per aver cancellato il viaggio in Africa, sui social la disperazione degli ambulanti sul lastrico

A causa della impossibilità di camminare il pontefice ha cancellato anche il viaggio in Africa che si doveva fare dal 2 al 7 luglio, coprendo due paesi, il Congo e il Sud Sudan. L'aver dato forfait alla trasferta ha causato un moto di delusione tra le comunità cattoliche. Molte persone hanno postato sui social messaggi di dolore e disperazione, molti di loro, infatti, avevano fatto debiti per acquistare le materie prime e produrre dei gadget da vendere durante la visita papale (magliette, berretti, bandiere). Ora si trovano nei guai e sperano davvero che Francesco possa riprogrammare la visita più avanti, quando i medici glielo consentiranno. 

Se gli appuntamenti pubblici che richiedono particolari sforzi fisici o attività motorie vengono spostati sine die, nella agenda del Papa restano però inalterate le udienze giornaliere che si svolgono o a Santa Marta o nel palazzo apostolico che Francesco raggiunge in carrozzina. Stamattina, per esempio, ha avuto colloquio con otto ospiti differenti. La giornata è iniziata con la visita del cardinale argentino Sandri, ormai prossimo alla pensione, seguita dal cardinale Nichols di Westminster, da due ambasciatori, dai religiosi della congregazione dei Padri Bianchi. E' con loro che stamattina Francesco ha fatto riferimento al viaggio cancellato: «Purtroppo, con grande dispiacere, ho dovuto rinviare il viaggio in Congo e Sud Sudan. In effetti, alla mia età non è così semplice partire in missione! Ma le vostre preghiere e il vostro esempio mi danno coraggio, e sono fiducioso di poter visitare questi popoli, che porto nel cuore».

Papa Francesco malato, salta il viaggio in Africa. Come sta: le smorfie, il dolore e le fitte improvvise

Il Corpus Domini (Corpo del Signore) è sicuramente una delle solennità più sentite a livello popolare. La storia delle origini portano al XIII secolo, in Belgio, dove il vescovo assecondò la richiesta di una religiosa che voleva celebrare il Sacramento del corpo e sangue di Cristo al di fuori della Settimana Santa. L’estensione della solennità a tutta la Chiesa va fatta risalire a papa Urbano IV, con la bolla Transiturus dell’11 agosto 1264. È dell’anno precedente invece il miracolo eucaristico di Bolsena, nel Viterbese. Qui un sacerdote boemo, in pellegrinaggio verso Roma, mentre celebrava Messa, allo spezzare l’Ostia consacrata, fu attraversato dal dubbio della presenza reale di Cristo. In risposta alle sue perplessità, dall’Ostia uscirono allora alcune gocce di sangue che macchiarono alcune pietre dell’altare ancora oggi custodite nella basilica di Santa Cristina. 

 

Ultimo aggiornamento: 14 Giugno, 08:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA