Papa Francesco celebra in volo il matrimonio di una hostess e uno steward

ARTICOLI CORRELATI
di Franca Giansoldati

Fiori d'arancio a sorpresa a diecimila metri d'altezza. «Perché non vi siete sposati in chiesa ma solo civilmente?» La domanda che Papa Francesco rivolge a bruciapelo a una hostess e a uno steward della Latam, a bordo dell'aereo che lo sta portando a Iquique, nel sud del Cile, cambia il corso degli eventi. «La chiesa nella quale dovevamo sposarci, a Nunoa, vicino a Santiago, nel 2010 è stata distrutta dal terremoto e così non abbiamo potuto farlo e da allora abbiamo sempre rimandato». Paula Podest e Carlos Ciuffardi, 39 anni lei e 41 lui, si guardano complici negli occhi e chiedono a Papa Francesco una benedizione.

Come tutti i membri dell'equipaggio sono andati nella parte anteriore dell'aereo, dove è seduto il seguito papale, per dare il benvenuto a Francesco. «Volete che vi sposi?» Un sorriso, un cenno di assenso e il Papa si prepara a officiare. Indossa la stola, viene individuato un testimone, in questo caso il presidente della compagnia aerea, Latam, presente sul volo. Si trova un foglio per la trascrizione religiosa dell'atto che poi verrà registrato nella diocesi di appartenenza della coppia di sposi. «Vuoi tu Paula prendere per marito Carlos e amarlo e rispettarlo nella buona e nella cattiva sorte?». «Vuoi tu Carlos prendere per tua sposa Paula e amarla e rispettarla nella buona e nella cattiva sorte?». Al «si» convinto risposto all'unisono dagli sposi, Papa Francesco li dichiara marito e moglie tra gli applausi. Seguono i doni del Papa, una coroncina per il rosario e l'incoraggiamento a usarla spesso, le fotografie scattate dai fotografi dell'Osservatore Romano, e le congratulazioni di tutti. 





 
Giovedì 18 Gennaio 2018, 14:48 - Ultimo aggiornamento: 19-01-2018 09:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP