Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Papa Francesco usa anche Spotify per scherzare sul suo stato di salute e rassicurare: «Vado avanti»

Martedì 5 Luglio 2022 di Franca Giansoldati
Papa Francesco usa anche Spotify per scherzare sul suo stato di salute e rassicurare: «vado avanti»

Città del Vaticano – Alla domanda sugli ultimi problemi di salute risponde: «Non la sento l'età. Forse quando penso che ho 85 anni mi sembra irreale: io a questa età? Rido di me stesso e vado avanti». Dopo l'intervista alla Reuters e diffusa subito in tutto il mondo per smentire le voci di dimissioni ad agosto, come era circolato con insistenza in diversi ambienti curiali italiani e stranieri, stavolta Papa Francesco utilizza Spotify per veicolare il medesimo messaggio rassicurante. 

Papa Francesco nel podcast racconta di soffrire per la mancanza di libertà, vorrebbe camminare liberamente per le strade di Roma, proprio come faceva a Buenos Aires. Non si è però pentito di aver scelto nel 2013 Santa Marta e non il Palazzo Apostolico come residenza, ipotesi rifiutata al momento dell'elezione per “motivi psichiatrici”. La sua giornata nell'albergo vaticano in cui ora vive - un appartamento composto da stanza da letto, studio e bagno - inizia alle prime ore del mattino con la preghiera. Inoltre riferisce che si tratta di una sana abitudine mai persa altrimenti, spiega, se non si prega la mattina si finisce nel tritacarne e non si riesce più tanto.

Papa Francesco smentisce l'ipotesi dimissioni: «Lasciamo che lo dica Lui lassù»

Stavolta il pontefice argentino ha scelto di raccontare un altro po' di se stesso affidandosi ad un podcast su Spotify condotto dal suo ex portavoce di quando era arcivescovo a Buenos Aires, Guillermo Marco.

Ecco alcuni passaggi salienti della trasmissione.

Sei ancora una persona che si alza presto per pregare? «Sì, proprio così. Perché se non si prega al mattino, non si prega più, eh? Perché si finisce nel tritacarne (...) Mi manca camminare per le strade A Buenos Aires ho camminato o preso l'autobus, e così via. Qui le due volte che sono dovuto uscire sono stato colto in flagrante. Due volte, in inverno. Le sette di sera, non succede nulla, tutto è buio... Quando andai dall'ottico una signora dal balcone (gridò) "Il Papa" e la cosa finì lì. E quando sono andato al negozio di dischi dove non c'era nessuno - sono andato a benedire perché era un negozio di dischi di amici che era stato ristrutturato e tutto il resto - la gente mi ha chiesto "perché non vieni, ci hai aiutato tanto". Così sono andato. La sfortuna ha voluto che nelle vicinanze ci fosse una stazione di taxi dove un giornalista stava aspettando un amico per prendere un taxi", ha ricordato il Papa».

In un'altra parte del dialogo con Marco, ha sottolineato che non è vero che spesso esce da Santa Marta di nascosto. «Il mito della fuga dal Vaticano: a farlo è stato San Giovanni Paolo II. È riuscito. Amava lo sci e lo praticava. Andava con un berretto da sci che gli copriva il viso e nessuno lo avrebbe riconosciuto. Sciava un po' e poi veniva. D'estate nuotava. E un giorno un ragazzo gridò "il Papa", lo riconobbe. Poi è arrivato subito e ha iniziato ad avere un po' più di paura, ma altrimenti nessuno lo avrebbe riconosciuto».

Papa Francesco svela il suo progetto di riforma per una «Chiesa che non accumula ritardi sulle sfide di oggi»

Il Papa ha anche confermato che alloggiare a Santa Marta piuttosto che nel Palazzo episcopale è stata una buona scelta. «Quando sono stato eletto, ero qui nella stanza di fronte. Il secondo giorno dovevo recarmi al Palazzo Apostolico per prenderne possesso. È impressionante quanto sia spazioso lì. Non è così lussuoso, ma è enorme. Da solo. È come un imbuto, ma capovolto. Chiunque abbia il permesso di entrare entra, poi si cade nelle mani dei collaboratori, si perde l'indipendenza e senza persone... Così ho chiesto al Signore "dammi una via d'uscita". E un pomeriggio ho parlato con il cardinale (Giuseppe) Bertello. Vieni a vivere qui con me", disse. Beh, ci penserò e vedrò...". Il giorno dopo sono uscita dalla mia stanza e c'era una porta aperta e le signore stavano pulendo. E sono curioso... Cos'è questo?" "È l'appartamento degli ospiti e lo stiamo pulendo per la vostra acquisizione". La camera da letto, con un bagno all'interno, questo per ricevere e lo studio. E io ho detto:  Dio me lo ha messo in mano. E quando mi chiesero perché non fossi rimasto lì, risposi: Per motivi psichiatrici».

Ultimo aggiornamento: 6 Luglio, 18:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA