Pedofilia, nuova lettera alla Cei dalle vittime: «Non siamo di serie B»

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano - Un gruppo di vittime italiane della pedofilia torna a scrivere al cardinale Gualtiero Bassetti. Non avendo ricevuto nessuna risposta ad una prima lettera inviata a ridosso del Natale, nella quale chiedevano al presidente della Cei un incontro per parlare di come la Chiesa può combattere la piaga degli abusi e contribuire a rompere il muro di silenzio e omertà che finora ha imperato nella stragrande maggioranza delle diocesi italiane, le vittime che hanno dato vita alla rete L'Abuso hanno ripreso in mano carta e penna per lamentarsi. Non siamo di serie B. 

«E' passato ormai più di un mese da quando Le abbiamo scritto una lettera (inviata con raccomandata e ricevuta di ritorno) anticipata via mail il giorno 24.12.2018 (di cui abbiamo anche ricevuta di lettura). Scriviamo direttamente a lei, nella speranza che voglia cogliere l’invito che Papa Francesco ha inviato ai Presidenti delle Conferenze Episcopali ad incontrare le vittime di abusi sessuali, in preparazione dell’incontro del prossimo febbraio sullo specifico tema degli abusi. Alcuni di noi le hanno già scritto più volte in copia conoscenza attraverso lettere scritte a Papa Francesco, per le quali non è mai stata ricevuta alcuna risposta. Ci rivolgiamo quindi a lei nella speranza di vedere accolta la nostra richiesta di essere ricevuti, ritenendo autentico e sincero il desiderio della gerarchia della chiesa di voler ascoltare le vittime».

«Sarebbero bastate due righe di cortese rifiuto. Sarebbero bastati - si legge -  i saluti di un qualunque segretario che ringraziava per la disponibilità ma faceva sapere che il Card. Bassetti, magari troppo occupato, aveva già scelto altre vittime meno scomode perché anonime, non appartenenti ad una Associazione… altre vittime magari più degne di essere ricevute perché vittime di un reato già caduto in prescrizione e quindi non pericolose… Insomma, altre vittime, quelle di serie A».

Dalla Conferenza Episcopale però confermano che il cardinale Bassetti incontrerà alcune vittime prima del summit di febbraio. Non si conoscono i dettagli di questo incontro, nè dove avverrà, nè quando, nè tantomeno si ci saranno informazioni a tal riguardo.
Sabato 2 Febbraio 2019, 14:36 - Ultimo aggiornamento: 02-02-2019 14:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP