Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Papa Francesco festeggia Queen Elizabeth: «Prego per lei e per la famiglia reale»

Giovedì 2 Giugno 2022 di Franca Giansoldati
Papa Francesco festeggia Queen Elizabeth: «Prego per lei e per la famiglia reale»

«Prego per lei, per la famiglia reale e per il popolo britannico». Papa Francesco ha inviato a Buckingham Palace un messaggio per il compleanno e per il giubileo di platino della regina Elisabetta. «Dio onnipotente conceda a voi benedizioni di unità prosperità e pace».

Regina Elisabetta, il programma del Giubileo di Platino: due volte al balcone, le curiosità (e la grana del principe Andrea)

Elisabetta divenne regina il 6 febbraio 1952 dopo la morte di suo padre, Giorgio VI. Fu incoronata il 2 giugno 1953 nell’abbazia di Westmister e da allora è anche il capo secolare della Chiesa anglicana, anche se in Inghilterra esiste una rigida separazione tra l’esercizio del potere spirituale e quello secolare. Di fatto la regina non ha competenza sulle cose spirituali ma soltanto nel rendere operanti le leggi e non interferisce negli interessi della Chiesa inglese né partecipa alle loro discussioni. È semplicemente e soltanto la rappresentante secolare. In questa funzione però nomina, su proposta del capo del governo, i vescovi e gli arcivescovi. Inoltre deve concedere quello che si chiama il “royal assent”, il suo consenso alle decisioni della Chiesa, approvate e o da approvare dal Parlamento.

 

La chiesa anglicana nasce nel 1534, quando re Enrico VIII tagliò i legami con Roma e con il papa. I vescovi sono da allora nominati dall’Inghilterra. Di conseguenza, Enrico VIII è diventato il capo della Chiesa. 

Papa Francesco e la Regina Elisabetta si sono incontrati in Vaticano nel 2014. Nel corso di questa udienza molto seguita dalla stampa internazionale colpì il dono che la sovrana portò con sé per il pontefice: un grande cesto contenente marmellate e altri prodotti del suo orto privato, coltivati senza pesticidi e nel rispetto dell'ambiente. Il Papa ricambiò la gentilezza con un facsimile di un prezioso documento conservato in Vaticano, in cui il culto di Sant’Edoardo il Confessore (antenato della famiglia reale inglese e fondatore dell’Abbazia di Westminster, dove è sepolto) fu esteso alla Chiesa universale, nel 1679, da Papa Innocenzo XI. Inoltre il Papa donò al pronipote di Sua Maestà, il Principe George di Cambridge, un oggetto artistico, composto da una sfera di lapislazzulo sormontata da una “croce di Sant’Edoardo” in argento.

Il Giubileo della regina Elisabetta, al via le grandi celebrazioni per i 70 anni di regno. A Londra anche Meghan e Harry

Francesco a marzo aveva inviato anche una lettera di saluti dove evidenziava il ruolo della regina per la monarchia britannica e per il bene del suo paese e «la conservazione della sua illustre eredità spirituale, culturale e politica». In dono le aveva fatto avere un piccolo cedro del Libano, come dono da coltivare per le generazioni future. Una pianta simbolica, come aveva sottolineato il pontefice:  «Possa questo albero, che nella Bibbia simboleggia il fiorire della fortezza, della giustizia e della prosperità, essere un pegno di abbondanti benedizioni divine sul suo regno».

Ultimo aggiornamento: 13:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA