Primi effetti del green pass: i giovani tornano a viaggiare. La Puglia resta la più ambita

Lunedì 12 Luglio 2021 di Rita DE BERNART
Primi effetti del green pass: i giovani tornano a viaggiare. La Puglia resta la più ambita

Vacanze al mare per la maggior parte degli Italiani. Il trend delle scorse settimane si conferma e, ancora una volta, la Puglia è in testa alla classifica delle mete preferite con Sicilia e Sardegna.

In 7 su 10 scelgono il mare

Oltre 7 connazionali su 10 trascorreranno le ferie in località balneari (73%), mentre il 10% sceglierà città d'arte e borghi, il 9% andrà in montagna, campagna o agriturismo ed il 4% opterà per una crociera. I dati sono quelli elaborati da un recente sondaggio realizzato da SpeedVacanze.it. Prevale dunque per molti la voglia di stare in spazi aperti e ampi e di intraprendere attività a contatto con la natura. L'analisi del più grande tour operator italiano, specializzato in viaggi di gruppo, è stata condotta su un campione di 2 mila uomini e 2 mila donne di età compresa tra i 18 e i 50 anni, intervistati dal 14 al 21 giugno 2021.

 

In Puglia privisti 12 milioni di arrivi

In Puglia si prevedono 12,1 milioni di presenze turistiche, con un recupero della domanda del 2019 del 77,6% a fronte della perdita del 44,2% del 2020: aumenta anche l'impatto positivo sulla spesa turistica di +7 miliardi di euro rispetto al 2020. Si prediligono viaggio in famiglia o in piccoli gruppi mentre la durata media del soggiorno sarà di 7 o 8 giorni per il 57% dei viaggiatori e di 2 settimane per il 18%; la maggior parte (78%) partirà tra luglio (28%) e agosto (50%). Bene l'escursionismo, l'enogastronomia e in Puglia, Sicilia e Sardegna, le 3 regioni top dell'estate 2021, Speed Vacanze mette in evidenza un quasi tutto-esaurito per i tour esperienziali.
Una nuova conferma, considerato che proprio per i due mesi centrali in Puglia è già pienone. Da qualche settimana i booking delle strutture ricettive sono quasi al completo. L'effetto positivo a valanga è generato anche dal green pass che riscuote consensi pure tra i giovani che si sentono finalmente più liberi e desiderosi di viaggiare. Il certificato verde europeo, entrato in vigore lo scorso 1 luglio, sta schiacciando l'acceleratore delle prenotazioni; lo confermano anche i bookings di WeRoad la community di giovani travellers più grande d'Europa, con un'impennata che segna più prenotazioni del 2019, l'ultima estate in cui si è potuto viaggiare senza restrizioni. Dati pubblicati in questi giorni dicono che già 13,8 milioni di persone hanno scaricato il Green pass, e secondo il sondaggio effettuato, a cui hanno risposto oltre 5.000 ragazze e ragazzi tra i 25 e i 35 anni, il 77% dei Millennials crede sia fondamentale per tornare a viaggiare. Il 43% dello stesso campione dice inoltre di averlo già ottenuto e un 18% lo avrà comunque entro fine luglio. Non a caso coloro che dicono di aver prenotato un viaggio sono proprio il 43% dei rispondenti, probabilmente chi ha già ottenuto la certificazione e si sente quindi più sicuro. Il Covid però ha cambiato letteralmente le abitudini, al risparmio si preferisce la sicurezza e la garanzia di scegliere il meglio per i propri standard e per una piena vivibilità anche in funzione delle normative di prevenzione. Il trend sul last minute si è invertito: solo il 13% prenoterà sotto data, il restante 44% dichiara invece che lo farà a breve. Un'estate in vacanza dunque con una ritrovata serenità da un lato ma che nasconde sempre l'insidia del contagio.

La variante preoccupa


A preoccupare in questo momento è la variante Delta che con la sua rapida diffusione rischia di rappresentare un nuovo freno all'entusiasmo e ai programmi di giovani e famiglie che hanno scelto di concedersi un viaggio. A mettere in allarme sono alcuni focolai tra giovani in vacanza in alcuni paesi esteri come Malta e la Spagna. Anche nella nostra regione nei giorni scorsi il caso di un focolaio di contagi (34 positivi) tra un gruppo d giovani rientrati a casa dopo la vacanza in un campeggio a Manfredonia ha generato allarmismo. Al lavoro per i tracciamenti in tutta Italia, visto che i ragazzi provenivano da diverse regioni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 21 Luglio, 09:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA