Arcigay e l'installazione della panchina arcobaleno: «Dai Comuni meritiamo almeno una risposta»

Giovedì 17 Dicembre 2020
La panchina arcobaleno installata nel comune di Montenero Sabino

RIETI - «Chiediamo alle singole amministrazioni dei Comuni della provincia di Rieti una risposta ufficiale in merito alla nostra richiesta, inviata con posta certificata, di installare una panchina arcobaleno. L’Associazione Arcigay - dichiara il presidente di Rieti LGBT+ Domenico Di Cesare – ha invitato tutti i 73 comuni della provincia reatina ad aderire a un’iniziativa di sensibilizzazione alle questioni della comunità LGBT+ (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender), attraverso il posizionamento di una panchina in un luogo simbolo di ogni Comune».

«Ogni amministrazione dovrebbe schierarsi dalla parte dei diritti, per un’inclusione sociale di ogni singola persona e questo andrebbe fatto al di là di qualsiasi appartenenza politica. Ringraziamo il comune di Montenero che il 31 ottobre scorso ha installato la prima panchina arcobaleno, ma è rimasto sospeso nel vuoto l’appello della sindaca Lavinia De Cola: “I diritti non hanno appartenenza politica e mi auguro che anche gli altri paesi della provincia possano aderire al più presto all’iniziativa con le sindache e i sindaci in prima linea”. Facciamo presente – conclude Domenico Di Cesare – che siamo cittadine e cittadini che pagano regolarmente le tasse e che, in quanto tali, abbiamo diritto a essere rispettati e ad avere almeno una risposta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA