Rieti, uomo morto carbonizzato: lunedì l’autopsia. L’ipotesi del malore rimane la più accreditata

Sabato 6 Novembre 2021 di Samuele Annibaldi
I vigili del fuoco

RIETI - Sarà sottoposta ad autopsia la salma di Luigi Cipollini, l’82enne trovato morto giovedì nella sua abitazione di via dei Coronari, nel centro storico di Castelnuovo di Farfa. Il magistrato ha disposto l’esame autoptico per accertare le cause del decesso e fugare ogni dubbio sul fatto che si sia trattato di un malore che ha stroncato il pensionato che, successivamente, è stato avvolto dalle fiamme, con il corpo trovato dai soccorritori quasi del tutto carbonizzato. Non essendo stato trovato il caminetto acceso nell’appartamento dove l’uomo, vedovo, viveva da solo ormai da tempo, né altre fonti che avrebbero potuto generare le fiamme, l’ipotesi più accreditata resta, al momento, quella del malore nel mentre che un sigaro acceso (passione della vittima quella dei sigari) potrebbe essergli caduto sui vestiti e lentamente abbia poi generato le fiamme su un corpo esanime e ormai privo di vita. Dopo l’autopsia, la salma sarà a disposizione dei familiari (sorella e figlio) per le esequie. L’autopsia è fissata per lunedì prossimo.

L'immobile
Intanto, l’immobile di via dei Coronari 47 resta sotto sequestro per consentire le indagini da parte dei carabinieri. Luigi Cipollini viveva ormai da 9 anni a Castelnuovo di Farfa, dove tutti lo ricordano come una persona mite e discreta. Proprio il vicinato, giovedì mattina, vedendo del fumo che fuoriusciva dall’abitazione e sapendo che all’interno c’era un uomo che non rispondeva alle chiamate, ha dato l’allarme ai vigili del fuoco, carabinieri, 118 e Asl. Ma, all’arrivo dei soccorritori accorsi a Castelnuovo, non c’era purtroppo più nulla da fare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA