Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rieti, nove persone scomparse nel Reatino in vent’anni

Sabato 13 Agosto 2022
Silvia Cipriani

RIETI - A tre settimane dalla scomparsa, non si hanno ancora notizie di Silvia Cipriani, la donna di 77 anni, ex postina, che nella seconda metà di luglio ha lasciato la sua casa nella frazione reatina di Cerchiara. Le ricerche si sono concentrate dapprima nell’area della frazione reatina, quindi si sono estese anche a Montenero, dove la sua auto, una Fiat Palio, sarebbe stata inquadrata da una telecamera. Ma, nella provincia reatina, negli ultimi anni, la donna non è, purtroppo, la sola persona a essere scomparsa e ci sono casi ormai quasi dimenticati. Ne ricordiamo alcuni.

Le storie. La foto di Cipriani è presente sul sito di “Chi l’ha visto?” e il portale della trasmissione televisiva di Rai Tre riporta le storie di altre otto persone collegate al territorio e che non hanno più fornito loro notizie. Storie che nascono nel Reatino o che vedono il territorio solo come zona in cui sono state viste per l’ultima volta. Nel settembre del 2020, si tornò a parlare dell’allora 35enne Laurentiu Mariàn Bazenchi, che non fornì più notizie di sé dal 28 agosto 2014, quando avrebbe dovuto prendere un treno da Rieti a Terni per raggiungere la sorella. È uno degli (almeno) nove casi - incluso quello di Silvia Cipriani - di persone scomparse, collegate alla provincia reatina, attualmente attivi: il legame con il territorio può essere più o meno intenso. Il piccolo Abdul Rahman, di appena 5 anni al momento della scomparsa, non ha più dato notizie di sé dall’ottobre del 2016. Di origine libanese, oggi ha 11 anni. Sempre di origine libanese è Haissam Mehho, scomparso anche lui nel 2016. Ennio Ciancaglioni è scomparso invece da Amatrice il 9 luglio del 2011, quando aveva quasi 85 anni: era in vacanza con la moglie nella loro casa di montagna. Verso le 14 di quel sabato uscì per andare in piazza, ma non è mai rientrato. Altro mistero è quello di Paolo Dell’Aiuto, scomparso nel 2005 quando aveva 55 anni: abitava a Ciampino e, in agosto, andò a fare un’escursione nel Reatino, al confine con l’Abruzzo. La sua auto fu trovata alle pendici del Monte Velino, l’uomo fu visto lungo un sentiero, poi più nulla. Abdelalim El Mselek lavorava ad Ascrea e, nel 2005 è scomparso nel nulla. Poco prima, alcune persone avrebbero visto il giovane, all’epoca di 26 anni, con un uomo moldavo. Poi nessuno lo ha più visto. Risale all’aprile 2008 la scomparsa di Mihai “Michele” Ene, all’epoca di 59 anni: viveva a Poggio Mirteto e da quattordici anni non si sa più nulla di lui. Adelio Stentella, 85 anni al momento della scomparsa, uscì dalla sua casa il 19 maggio 2009, dicendo alla moglie che sarebbe andato a vedere le piante nel campo vicino, ma da allora non ha più fatto rientro a casa. C’è poi un ultimo caso - aggiuntivo - in cui la provincia reatina ha un ruolo casuale. Riguarda Mbuyi Kabanga, 39 anni, tedesco di origini congolesi. A ottobre del 2019 si è allontanato da casa, in Francia. La madre segnalò la necessità per lui di prendere farmaci per la terapia che deve seguire. Sarebbe stato avvistato nel mese di agosto del 2020 a Rieti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA