Minacce a Dado per la parodia sui funerali del boss, dieci Casamonica indagati

ARTICOLI CORRELATI
di Michela Allegri


Cantava prendendo in prestito le note di Fiordaliso: «Non voglio mica la luna, voglio solo un funerale con le Rolls Royce, i cavalli, il corteo e i vigili che dirigono il traffico solo per me». Il riferimento era alle esequie in stile Padrino del capo clan Vittorio Casamonica. Per quella satira polemica, diventata popolarissima sul web, il comico romano Gabriele Pellegrini, in arte Dado, è stato riempito di insulti e, soprattutto, intimidazioni per nulla velate. Amici e parenti del defunto non hanno gradito l'ironia e sono passati al contrattacco verbale. Ora, però, rischiano di avere problemi con la giustizia. Il pm Maurizio Arcuri ha infatti iscritto sul registro degli indagati 10 persone, per minacce e diffamazione. Sono tutti quanti soggetti riconducibili al clan Casamonica. Le frasi rivolte al comico sono state pesanti, tanto da convincerlo a sporgere denuncia. «Stai attento che se ti vedo per strada lo avrai subito il funerale» ha scritto uno degli indagati. E ancora: «Sì, può darsi domani schiatti pure te e te famo un bel funerale, così fai il pagliaccio pure in paradiso pezzo di m...».
 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 13 Maggio 2016, 08:07 - Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 11:25


QUICKMAP