Guidonia, dogo argentino fuggito da una villa azzanna l'uomo che difende il suo cagnolino aggredito

Sabato 30 Luglio 2016 di Marco De Risi
Guidonia, dogo argentino fuggito da una villa azzanna l'uomo che difende il suo cagnolino aggredito

Una mano lacerata dai potenti morsi di un dogo argentino, un molossoide che può arrivare a pesare anche 45 chili. L’aggressione si è verificata ieri mattina a Setteville di Guidonia, alle porte di Roma, sulla via Tiburtina al chilometro 19.800. Un custode di un’autorimessa è uscito dai locali con il suo cagnolino. In mezzo alla strada si è trovato davanti l’esemplare di dogo che si è avventato sul cagnolino. Il cinquantenne per non farlo sbranare è intervenuto e il molossoide gli ha azzannato una mano causando profonde ferite. Sono arrivati i vigili urbani e il personale di un’ambulanza del 118 che ha trasportato d’urgenza il ferito all’ospedale di Tivoli dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico per suturare le ferite alla mano. I vigili urbani hanno fatto intervenire l’accalappiacani che ha catturato il dogo. E’ stato rintracciato il padrone che ha ammesso di essersi fatto sfuggire il cane: ora dovrà rispondere di lesioni aggravate.  Dal 2009 il dogo argentino è stato tolto dalla lista dei cani pericolosi. 

Ultimo aggiornamento: 14:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA