Roma, nuovo blitz contro gli Spada: sgomberata la casa di un altro boss

Roma, blitz a piazza Gasparri: sgomberata l'abitazione di Silvano Spada
ARTICOLI CORRELATI
di Mirko Polisano

0
  • 943
Un'altra casa popolare occupata da esponenti del clan Spada è stata sgomberata questa mattina a Ostia. L'azione, a cui hanno preso parte circa 150 vigili di Roma insieme al reparto mobile diretto dal commissariato 'Lidò della polizia di Stato, fa seguito allo sgombero di Vincenzo Spada, uno dei nipoti del boss Carmine, mandato via giovedì scorso sempre da un alloggio popolare occupato sul litorale romano. «Non daremo tregue a chi vive nell'illegalità. Andiamo avanti con determinazione e coraggio», promette la sindaca di Roma Virginia Raggi. Un plauso arriva anche dal ministro dell'Interno Matteo Salvini: «Avanti con gli sgomberi. A breve un'altra promessa verrà mantenuta, una villa sequestrata in una periferia romana ai Casamonica verrà abbattuta e al suo posto ci sarà un giardino per i bimbi del quartiere - preannuncia -. Dalle parole ai fatti». 

LEGGI ANCHE Ostia, via gli Spada dalle case del Comune: sgomberi a piazza Gasparri
LEGGI ANCHE Bomba a Ostia contro i familiari di una pentita che incastrò Spada
 
 

L'operazione di oggi, coordinata dal comandante generale della polizia locale Antonio Di Maggio, si inserisce «in un'ampia attività di recupero del patrimonio immobiliare comunale e di sottrazione dello stesso all'illegittima gestione da parte di sodalizi criminali a carattere familiare», spiega il Campidoglio. E la prima cittadina rivendica: «Abbiamo avviato questa stagione di sgomberi un pò più serrati. Da qualche mese abbiamo riavviato pratiche che erano inspiegabilmente ferme da anni. 
 

Quello che non è stato fatto prima lo stiamo facendo noi, per riportare quel minimo di legalità che credo sia alla base di una convivenza civile in una grande città». È proprio Raggi a diffondere i dettagli dello sgombero: nell'abitazione «vivevano la compagna e i figli di Silvano Spada, mentre quest'ultimo è attualmente agli arresti in carcere. In sua assenza, i familiari hanno continuato indisturbati a occupare l'abitazione». Plaude anche il governatore del Lazio Nicola Zingaretti: «Lo sgombero di un'altra casa occupata illegalmente a Ostia da esponenti del clan Spada rappresenta un altro irrinunciabile passo verso la legalità. La lotta alle mafie non si ferma e non è negoziabile. Come Regione Lazio siamo sempre in prima linea su questo tema, con l'obiettivo di riconsegnare gli spazi alla collettività e farne luoghi di aggregazione, confronto e crescita». Mentre il gruppo pentastellato in Comune promette: «Sono trascorsi appena 5 giorni da quando abbiamo sgomberato, sempre a Ostia, una casa popolare che era occupata da circa 10 anni da Vincenzo Spada. A Roma non c'è più spazio per chi vive nell'illegalità. Le case vanno assegnate a chi ne ha diritto».
Martedì 9 Ottobre 2018, 09:28 - Ultimo aggiornamento: 09-10-2018 21:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP