Roma, c'è il nulla osta per seppellire Pamela Mastropietro, la 18enne romana uccisa e fatta a pezzi

Roma, c'è il nulla osta per seppellire Pamela Mastropietro, la 18enne romana uccisa e fatta a pezzi
di Rosalba Emiliozzi

La procura di Macerata ha dato il nulla osta per la sepoltura di Pamela Mastropietro, la ragazza romana di 18 anni uccisa, fatta a pezzi e abbandonata in due valigie lasciate lungo una stradina di Casette Verdini di Pollenza, in provincia di Macerata, dove la ragazza aveva intrapreso un percorso di recupero nella comunità terapeutica Pars di Corridonia.
 
 


La ragazza, uscita dalla comunità e poi scomparsa, è stata uccisa il 30 maggio in un attico chic di Macerata, il corpo sezionato e smembrato da mani esperte è stato ritrovato il giorno dopo. Un orrore senza fine che ha portato in carcere tre nigerani, mentre un quarto è indagato in stato di libertà.

A oltre due mesi dal fatto la ragazzina che amava la vita e la sua Roma potrà essere sepolta al Verano come ha chiesto la famiglia. Pamela viveva nel quartiere San Giovanni ed aveva raggiunto le Marche, su disposizione  della Asl, per sottopossi a un percorso di cura in una comunità autorizzata a trattare pazienti con doppia diagnosi come Pamela: disagio psicologico e dipendenza da droga, il disturbo psicologico molto più grave che la portava ad assumere stupefacenti quasi in una sorta di autocura.

La data del funerale, che si terrò nella chiesa di Ognissanti, non è stata ancora fissata e non sarà sabato perché, come spiega la mamma Alessandra Mastropiero, coincide con la festa del Natale di Roma. 
Mercoledì 18 Aprile 2018, 14:19 - Ultimo aggiornamento: 18-04-2018 21:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP