Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, Monteverde in lutto per Alvaro: l'infermiere del 118 stroncato dal Covid: «Il 2 gennaio sarebbe andato in pensione»

Domenica 27 Dicembre 2020 di Alessia Marani
Roma, Monteverde in lutto per Alvaro: l'infermiere del 118 stroncato dal Covid: «Il 2 gennaio sarebbe andato in pensione»

È morto stroncato dal Covid la sera di Natale, a pochi giorni dalla pensione. Lui, Alvaro Rossi, infermiere in servizio sulle ambulanze del 118 regionale, sempre in prima linea per dare una mano a chi soffriva, non era poi così anziano. Aveva spento quest’anno su un buon tiramisù, il suo dolce preferito, le 61 candeline e non vedeva l’orda di dedicarsi esclusivamente alle sue figlie e al nipotino. Dal 2 gennaio avrebbe lasciato il lavoro. Invece, un mese fa aveva avuto un infortunio sul lavoro, si era fatto male manovrando una barella, e durante i giorni di malattia è emersa la positività al coronavirus. Alvaro da trent’anni lavorava presso la postazione del servizio d’emergenza al San Camillo, da sempre viveva a Monteverde, in via di Donna Olimpia, dove tutti lo conoscevano ed era benvoluto, e nell’ospedale sulla Gianicolense è stato ricoverato a inizio dicembre, prima in reparto, poi in terapia intensiva dove è spirato la sera del giorno di Natale.

Roma, l'infermiere Alvaro muore di Covid a 61 anni il giorno di Natale: tra pochi giorni sarebbe andato in pensione

Roma, focolaio all'Umberto I: pazienti e personale positivi, tamponi giornalieri a medici e infermieri

«Proprio la notte di Natale è volato in cielo un altro angelo, un infermiere, l’ennesimo operatore sanitario che in questo triste 2020 funestato dalla pandemia ci lascia», commenta Alessandro Saulini, suo amico e collega, nonché segretario romano del sindacato Nursind 118. La notizia della morte di Rossi ha lasciato di stucco e commosso numerosi amici e compagni di lavoro. Numerosissimi i messaggi di affetto arrivati alla sua famiglia (era rimasto vedovo quando le figlie erano ancora piccole e le aveva cresciute con grande amore), anche dal web.

Coronavirus, maestra muore a 39 anni: si era contagiata all'asilo

«I Tuoi amici e colleghi ti piangono in questa triste giornata. Torneremo presto a sorridere così come, ne sono certo, avresti voluto anche Tu... Riposa in pace Alvaro...Ci mancherai...», si legge in un messaggio. «Se ne va un gentiluomo», ricorda un altro amico. Il presidente nazionale 118, Mario Balzanelli lo ha ricordato per la sua vita «spesa ad assistere, con notevole preparazione, grande amore e profonda passione, il prossimo, a qualunque ora del giorno e della notte... un leader... le sirene del 118 oggi suonano a lutto».

Covid, dottoressa denuncia: «In ospedale trattata come tossicodipendente, non mi curano perché sono nera». E muore per il virus

Gli operatori dell’Ares 118 del Lazio vengono sottoposti al tampone rapido antigenico per il Covid-19 ogni quindici giorni. Finora, la percentuale di operatori trovati positivi è molto bassa. Ma il virus è sempre in agguato, per cui l’attenzione è alta. Intanto, i consiglieri del VI Municipio Massimo Fonti e Nicola Franco hanno presentato una mozione per chiedere lumi sulla postazione 118 di Tor Bella Monaca, da molto tempo sguarnita dell’ambulanza pubblica per via di un infermiere e di un autista in malattia.

Covid a Ferrara, morto a 55 anni il carabiniere Luca Rigato, lascia moglie e due figli: «Una vita dedicata al prossimo»

Il timore è che non venga garantita l’adeguata assistenza nel territorio e che si vada verso una soppressione della postazione. Da parte dell’azienda, assicurano, non c’è alcuna volontà di chiudere il servizio, quando manca l’ambulanza regionale ne viene attivata una “a spot”. «Meglio sarebbe - spiega Saluini, del Nursind - assumere il personale, anche in sostituzione o fare una chiamata interna, per dare continuità». Per i consiglieri municipali, invero, il rischio è che «arrivino ambulanze da zone più lontane, perdendo tempo prezioso».

Covid a Nocera Inferiore, incinta al quarto mese muore per il virus: Veronica aveva 33 anni e già una bimba

Ultimo aggiornamento: 15:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA