Roma, autista dell'Atac chiede di indossare la mascherina e viene pestato: choc al capolinea del 105

Lunedì 27 Luglio 2020 di Lorenzo De Cicco e Marco De Risi
Roma, autista dell'Atac chiede di indossare la mascherina e viene pestato: choc al capolinea del 105

«Mettiti la mascherina o non sali». E l'autista dell'Atac diventa il bersaglio di una scarica di pugni. È successo ieri mattina, alle 6, al capolinea del 105 su via Casilina, nel cuore di Centocelle. L'ultima aggressione in ordine di tempo a un conducente dei mezzi pubblici di Roma, colpevole, si fa per dire, di avere semplicemente chiesto il rispetto di una regola base dell'emergenza Covid: coprirsi la faccia quando si entra in un luogo chiuso. Ma il passeggero, D. R., italiano, 27 anni, con precedenti penali, non ne ha voluto sapere e davanti al rifiuto del conducente di farlo salire a bordo, gli si è scagliato contro. Una raffica di colpi in pieno viso, il tesserino dell'Atac strappato dal collo dell'autista, gesto che gli costerà anche l'accusa di furto.

LEGGI ANCHE: Affollamenti e niente mascherina, sugli autobus di Roma trionfa il droplet - di Pietro Piovani

LEGGI ANCHE Roma, passeggero prende a pugni l'autista di un autobus di linea e scappa: è caccia all'uomo

Per provare a contenerne la furia, è intervenuta una guardia giurata dell'Italpol, il colosso della vigilanza che lavora per conto di Atac. A fatica, l'addetto della sorveglianza è riuscito ad arginare l'assalto del 27enne, riportando diverse ferite. Risultato: il conducente, I. M., è stato portato dal 118 al San Giovanni, da dove è uscito con sette giorni di prognosi, mentre il vigilante se l'è cavata con un giorno. Il ragazzo è stato arrestato dalla volante della Polizia arrivata poco dopo. Ora dovrà rispondere dell'accusa di lesioni, resistenza a pubblico ufficiale e, appunto, furto, per aver provato a impossessarsi del tesserino aziendale dell'autista.

LEGGI ANCHE Ostia, violenta aggressione: il ferito, sporco di sangue, cerca di confondersi fra i passeggeri di un bus dell'Atac

ALLARME SICUREZZA
«Viaggiare e lavorare sui mezzi pubblici è diventato pericoloso?», si chiedono i sindacati dei conducenti. «Atac per ora non sta intervenendo, per questo abbiamo deciso di organizzare i corsi di autodifesa per gli autisti, impareranno le tecniche delle arti marziali e di Krav Maga», racconta Claudio Di Francesco, segretario della Faisa Siciel. Secondo Italpol, nell'ultimo mese si sono registrati oltre 40 episodi di aggressione legati alle regole Covid nelle fermate del trasporto pubblico di Roma. Il 13 luglio a Torre Gaia una straniera ha devastato la barriera in plexiglass accanto all'autista, reo anche in quel caso solo di un rimprovero: signora si copra la faccia.

Lo stesso giorno un ragazzo, anche lui senza mascherina, se l'è presa coi passeggeri della metro B che gli avevano chiesto di rispettare le regole, colpendoli con l'urticante al peperoncino. Pochi giorni dopo, il 15 luglio, a Tor Cervara un ragazzo nigeriano di 26 anni è andato in escandescenze a bordo del 447. Prima è salito senza mascherina poi si è acceso una sigaretta e quando il conducente, avvisato dagli altri passeggeri, ha schiacciato sul freno e gli ha chiesto di smetterla, ha iniziato ad aggredire chiunque fosse a bordo.

Ultimo aggiornamento: 16:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA