CORONAVIRUS

Coronavirus Roma, bus e metro: parte la Fase 2. Contapersone e più preferenziali

Venerdì 24 Aprile 2020 di Lorenzo De Cicco e Francesco Pacifico
Coronavirus Roma, bus e metro: parte la Fase 2. Contapersone e più preferenziali

Prove tecniche di “fase 2” sugli autobus e sulle metropolitane della Capitale. Che con la fine del lockdown dovranno ridurre di due terzi la capienza di passeggeri. Da oggi l’Atac fa partire le sperimentazioni sui bus e sui treni, ad alcune fermate e sulle banchine delle stazioni. L’obiettivo è contingentare i passeggeri ed evitare gli assembramenti dopo il 4 maggio. Parallelamente - sull’asse Comune, Atac e Roma Servizi per la Mobilità - si studiano altre soluzioni per rendere più sicuro e più veloce il servizio di trasporto pubblico locale. In quest’ottica si sta lavorando anche su 25 nuove preferenziali da collocare tra l’Eur, i Parioli e, soprattutto, in alcuni tratti del Lungotevere.

Coronavirus, «Strisce blu sospese fino a settembre». Ma M5S si spacca sulla proroga

Su questo fronte si è deciso di ricorrere a corsie protette e provvisorie - nel senso che saranno poi smantellate quando finiranno i contingentamenti obbligatori - per garantire tragitti più rapidi a bus, taxi e Ncc nei collegamenti tra Centro e periferia. Al momento non è stato definito ancora un piano preciso, anche perché questa soluzione passa per una riduzione dei posti auto. Le nuove corsie protette dovrebbero arrivare ai Parioli (forse in viale Parioli e in viale Bruno Buozzi), all’Eur (probabili in via Cristoforo Colombo, in via Laurentina nei tratti che ne sono sprovvisti e in viale Europa).
Coronavirus Fase 2, come viaggeremo: su bus e treni tariffe flessibili per evitare affollamenti. E sensi unici nelle stazioni
Coronavirus, Fase 2: cosa potremo fare? Negozi dall’11 maggio, ristoranti dal 18. Trasporti, bambini, anziani, mascherine, autocertificazioni

Più ambizioso poi il progetto di “blindare” alcune corsie sul Lungotevere, in corrispondenza dei tragitti dei mezzi che collegano i diversi quartieri della capitale. Su questo versante si sta studiando la fattibilità in Lungotevere in Augusta, Marzio o Thaon Di Revel verso il Foro Italico. Tornando alla sperimentazione sulla fase 2 in Atac, la municipalizzata ha deciso di incrementare le attività di monitoraggio sui flussi e sugli strumenti a disposizione, già iniziate nei giorni scorsi. Ma da oggi si inizia a fare sul serio. Alcuni addetti di via Prenestina faranno capolino all’ingresso di alcune stazioni delle metro.

Cambieranno le modalità di accesso dei passeggeri: pochi varchi aperti e quelli in servizio saranno differenziati per l’entrata e per l’uscita; termoscanner ai gabbiotti per misurare la temperatura ai passeggeri; steward per controllare l’uso delle mascherine e percorsi obbligatori per raggiungere i treni e le banchine, delimitati da stagecaptain, barriere con il nastro retrattile, con cartelli e con la segnaletica apposta sul pavimento per evitare di sbagliare strada. A Termini, poi, non si potrà più passare da una linea all’altra utilizzando l’attuale collegamento, ma si dovrà uscire dal varco della A per poi rientrare in quello della B o viceversa.

Più complesso il lavoro che si avvierà da oggi sugli autobus. Il personale di Atac sarà ai capolinea e alla fermate delle arterie principali per controllare il distanziamento e l’utilizzo delle mascherine. Anche qui saranno montati degli stagecaptain per ordinare le file che sicuramente si formeranno vista la riduzione della capienza dei mezzi. Al riguardo, gli autisti saranno autorizzati a non fermarsi per caricare nuova gente, se i loro pullman hanno già tutti i posti a sedere completi. Su 500 autobus della flotta di Atac sono stati già montati dispositivi contapasseggeri, che saranno indispensabili per limitare gli accessi a bordo.

Intanto la Regione, applicando una delle linee guida nazionali dei trasporti, sta studiando come e se introdurre anche nel Lazio una nuova tariffazione del biglietto sui mezzi pubblici: l’obiettivo è quello di garantire un prezzo minore a chi sceglie di viaggiare lontano dalle ore di punta, così da ridurre i rischi di assembramenti. Al vertice di ieri sera tra il Mit e le Regioni, tra cui il Lazio, il ministro Paola De Micheli si è detta disponibile ad attivare un fondo nazionale per le municipalizzate colpite dagli effetti economici della mancata bigliettazione. Soldi che potrebbero servire anche a prolungare gli abbonamenti dei passeggeri per il tempo del lockdown. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA