CORONAVIRUS

Divieti per Pasqua, nuova stretta sulle strade: «Stop fughe verso le case al mare»

Domenica 5 Aprile 2020 di Camilla Mozzetti

La macchina dei controlli è ripartita più spedita che mai anche per prepararsi al meglio al prossimo fine settimana di Pasqua. Posti di blocco raddoppiati, più agenti in campo - tra municipale, polizia, carabinieri e guardia di finanza - al fine di scongiurare possibili spostamenti verso il litorale o la zona dei laghi e dei castelli. Il piano è chiaro e forse nei prossimi giorni si terrà un tavolo in video-conferenza con le varie forze dell’ordine per fare il punto sull’organizzazione che vedrà alla fine l’impiego di oltre 2 mila uomini dislocati nelle “aree” più sensibili: consolari, ma anche centro urbano, periferia, parchi e litorale, Ostia in primis. Ieri già l’immagine che molte strade della Capitale regalavano davano indietro la misura di quello che sarà nei prossimi giorni.

La polizia ha controllato - solo nel turno pomeridiano (13-19) - 500 persone, le sanzioni sono state una trentina. Anche i carabinieri hanno garantito lo stesso trend mentre la polizia locale a fine giornata, tra turno mattutino e pomeridiano, ha conteggiato quasi 14 mila controlli. Le infrazioni sono sempre le stesse: persone che si muovono da un capo all’altro della città a bordo di auto e moto senza una motivata giustificazione. Tanto per rendere l’idea: il Git - Gruppo pronto intervento traffico della municipale ha fermato una donna sulla Salaria che proveniva da Roma sud. Agli agenti ha detto di doversi recare da una cugina per portarle della verdure che coltiva nel suo giardino perché non mangia nient’altro. Morale? La donna è stata sanzionata per inottemperanza alle disposizioni del Dpcm.

Su diverse consolari – dalla Colombo, dove ormai è fisso il posto di blocco della municipale all’altezza con il semaforo per Acilia, alla Tuscolana con presidio a piazzale di Cinecittà - sono tornati i blocchi a “imbuto”, quelli che prevedono il fermo per il controllo di tutte le autovetture in transito e non più solo a “campione”. E il modello sarà replicato anche nel prossimo weekend di Pasqua al fine di impedire le “fughe” verso il mare e verso i Castelli considerate poi anche le previsioni meteo che annunciano - dopo anni - una Pasquetta senza ombrello. Tra le zone maggiormente controllate ieri dalle forze dell’ordine Ostia, ma anche la Portuense, l’area verso Fiumicino, l’Aurelia. Trentacinque le contestazioni registrate dai vigili al mattino, mentre i controlli totali - contando anche quelli di venerdì, hanno superato quota 18 mila.

Tra le irregolarità riscontrate proprio due giorni fa, il numero maggiore ha interessato il quadrante nord della Capitale, dove le pattuglie del XIII Gruppo “Aurelio” hanno sanzionato diversi casi di auto con più persone all’interno dello stesso veicolo che circolavano senza valido motivo. Sorpresi anche alcuni genitori a passeggio con i figli in aree distanti dalla propria abitazione: è il caso di un padre in compagnia del figlio di 17 anni, fermati in via Aurelia ma residenti nella zona di San Giovanni e della donna, proveniente dal quartiere di Don Bosco, sorpresa a fare una passeggiata con la figlia sedicenne nei pressi di Largo di Boccea. Anche il quartiere dell’Eur è stato teatro di ingenti verifiche, che sono proseguite poi per opera dei “Pics” - il Pronto intervento centro storico - decoro urbano - nei parchi senza recinzioni o con cancelli parziali.

È il caso di Villa Borghese ma anche dell’Appia Antica, del parco degli Acquedotti e della Caffarella. Tutte aree verdi dove, nei giorni scorsi, si era comunque assistito a una presenza ingiustificata di persone. Inoltre gli agenti della municipale hanno controllato anche le banchine del Tevere e la pista ciclabile di Monte Mario. “Sorvegliati speciali” poi molti quartieri del centro urbano: dal Flaminio al centro storico che ieri hanno fatto registrare il maggior numero di infrazioni. Pattuglie delle forze dell’ordine schierate infine a Prati, sui lungotevere e in periferia, dalla Tiburtina verso e in ingresso da Guidonia, sulla Pontina, sulla Laurentina. In questo weekend e anche nel prossimo le verifiche continueranno anche in orario notturno soprattutto in prossimità dei principali ingressi alla Capitale.

Ultimo aggiornamento: 12:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA