CORONAVIRUS

Coronavirus, contro il clan Gambacurta il primo maxi-processo in tele-udienza

Domenica 26 Aprile 2020 di Adelaide Pierucci
Coronavirus, contro il clan Gambacurta il primo maxi-processo in tele-udienza

Due aule per un processo. Il primo maxi-processo in era Covid a piazzale Clodio si spacchetta in più luoghi, fra cui l’aula Occorsio la più grande del tribunale di Roma, un’altra aula sullo stesso piano, collegamenti video con caserme e con istituti penitenziari. Il 5 maggio entrerà nel vivo in questo modo il procedimento contro il clan Gambacurta che richiamerà 57 difensori e 72 imputati suddivisi fra chi è detenuto in carcere, ai domiciliari o in libertà.

Nella villa confiscata del boss le donne sottratte alla violenza producono mascherine

L’ha disposto il giudice Roberta Palmisano, dopo che 31 difensori avevano bocciato lil primo ordine di svolgere il processo in videoconferenza dai propri studi, una modalità che secondo i penalisti avrebbe ‘’smaterializzato’’ l’aula di giustizia e non ridotto il rischio di contagio in assenza di maxischermi.

Coronavirus Ostia, viola i divieti per spacciare: denunciato uno Spada

Dal 5 al 7 maggio, in tre udienze cruciali, quindi Corte, pm sederanno nell’aula Occorsio nei propri spazi, mentre per mantenere le distanze di sicurezza, i difensori occuperanno l’area riservata al pubblico. Gli imputati in carcere assisteranno in videoconferenza, quelli liberi saranno dall’aula IV collegiale, mentre chi è ai domiciliari potrà seguire il processo nella caserma dei carabinieri più vicina alla propria abitazione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA