Covid Roma, bar e ristoranti sul lastrico: «Perso un milione al giorno». Allarme in Centro

Giovedì 15 Ottobre 2020 di Flaminia Savelli
Covid Roma, bar e ristoranti sul lastrico: «Perso un milione al giorno». Allarme in Centro

La crisi continua. Per i bar e i ristoranti della Capitale già piegati dalla pandemia, dopo l’annuncio delle nuove norme previste per rallentare l’impennata dei contagi, la ripresa è ancora più lontana. Il nuovo orario di chiusura in vigore da ieri- anticipato alle 24 per chi ha il servizio al tavolo e alle 21 per la consumazione al bancone - pesa come un macigno sui 2miliardi in meno di fatturati dall’ inizio emergenza. E con le nuove restrizioni 5mila imprese rischiano ora la chiusura e 20mila addetti alla ristorazione di restare senza lavoro. A questi numeri, che spiegano già quanto profonda sia la crisi economica del settore, si somma un ultimo dato: con il “coprifuoco”, la previsione è di 30milioni in meno di incassi per i ristoranti. A cui si dovranno sommare le perdite dei bar. Perché dalle 21, non si potrà neanche consumare un caffè al bancone.

Roma, per l'effetto-Covid nuovo crollo delle prenotazioni dei turisti: «Chiudono altri 280 hotel»

La polemica

Una situazione tanto drammatica che la sindaca Raggi, durante la conferenza Governo-Regioni di lunedì sulle nuove misure anti-Covid, si è fatta avanti chiedendo aiuti economici al presidente Giuseppe Conte: «Ho chiesto risorse per ristoranti, negozi, hotel - ha spiegato la prima cittadina - risorse per commessi, camerieri, dipendenti, proprietari, fornitori: donne e uomini che hanno timore per il proprio futuro». Aiuti che i ristoratori aspettano: « Siamo in attesa delle agevolazioni sulla Tari» spiega Luciano Sbraga, direttore Fipe - Confcommercio. Che precisa: « Ognuno in questo momento deve fare il suo. Ben vengano le riduzioni sulla Tari, dall’amministrazione però ci aspettavamo di più». Il riferimento è alla mozione, bocciata martedì dall’Assemblea capitolina con l’astensione dei consiglieri del M5s, sulla apertura della Ztl nel centro storico, Trastevere e Tridente.

Covid Lazio, più contagi dai focolai domestici: caccia agli hotel per le quarantene

«È stato un errore bocciare questa misura- sottolinea Sbraga - dare la possibilità ai romani di arrivare in macchina in centro, avrebbe aiutato e molto. Apprezziamo il gesto della sindaca - aggiunge - ma ci aspettiamo un intervento più decisivo anche per lo sblocco della Ztl. Inutile dire quanto ci aiuterebbe con l’attivazione del nuovo orario di chiusura». Alla lista di bar e ristoranti, si aggiungono poi gelaterie, bar, pizzerie al taglio e tutto il comparto legato allo street food. Un giro d’affari da 15 milioni di euro e una perdita, con la chiusura anticipata, da 150 milioni di euro. Ma secondo Valter Giammaria, presidente di Confesercenti per le cifre definitive «saranno indicativi i prossimi due giorni». E precisa: «È chiaro che sappiamo già quanto sarà difficile affrontare ulteriori restrizioni. Anche perchè, più regole ci saranno e meno spazio avrà l’economia locale per riprendersi».

Le reazioni

Il “coprifuoco” peserà pure sui locali che puntano su drink e apertivi: «Dopo mesi di incassi distrutti e aiuti mai arrivati, questo sarà un secondo lockdown» commenta uno dei gestori del Tyler a Ponte Milvio: «Siamo i primi a rispettare le nuove regole ma abbiamo già calcolato che con la disposizione, incasseremo il 30% in meno». Una stima che si allarga dal Banana Republic a Be.re nel quartiere Prati, fino alla lunga fila di pub tra il Gazometro, Tratevere e Testaccio. E ancora a San Lorenzo e piazza Bologna. Tanti infine quelli che hanno provato a trasformare le sale da ballo, circa 100 in tutta la città: «Hanno tentato di superare questa crisi offrendo nuovi servizi - spiega Antonio Flamini, presidente Silb - ma con le nuove direttive non c’è possibilità. Non riusciamo ad andare avanti in queste condizioni». 

 

Covid, allarme nuovi positivi nel Lazio: +60,3% negli ultimi 7 giorni. La mappa del contagio a Roma: boom a Torre Angela ed Esquilino

Covid Lazio. Un record ogni 24 ore, nuovi focolai che spuntano. Drive-in quotidianamente assediati di auto in coda per i tamponi. Impennata di contagi negli ultimi sette giorni nella regione della . Nella settimana dal 7 al 13 ottobre l'incremento di nuovi positivi è stato del 60,3%.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA