Museo del fascismo, stop di Virginia Raggi alla mozione M5S: «Roma antifascista»

Lunedì 3 Agosto 2020
Roma, Virginia Raggi boccia il Museo del fascismo proposto dalla sua maggioranza: è polemica

La sindaca Virginia Raggi dice no alla proposta della consigliera M5s Gemma Guerrini, che fa parte della sua maggioranza, di un museo sul fascismo a Roma e ha bloccato la mozione firmata fìda Guerrini dopo le proteste dell'Anpi.«Roma è una città antifascista, nessun fraintendimento in merito», afferma la sindaca della Capitale.

Nella mozione presentata da Gemma Guerrini e altri esponenti della maggioranza capitolina cinquestelle: Massimo Simonelli e Andrea Coia si chiede alla prima cittadina e alla giunta di impegnarsi a realizzare un "Museo del Fascismo" collegato a un centro studi 
«che utilizzi anche le nuove tecnologie, aperto a un vasto pubblico, e consideri per tale museo uno dei siti archeologici archeologici industriali di Roma». 

Statue sotto tiro, a Berlino c'è un museo per quelle abbattute. La star è Lenin, ecco tutte le altre

L'Anpi aveva bocciato la proposta. «Manifestiamo - afferma il comitato provinciale di Roma dell'associazione dei partigiani - la nostra più viva contrarietà all'approvazione di simile mozione e invitiamo i proponenti a ritirarla». 

Roma, imbrattate targhe dedicate a vittime leggi razziali. Raggi: «Ripuliamo subito»

I Cinquestelle citano le esperienze museali di altri Paesi europei, dove
«è stata realizzata una importante operazione culturale di analisi critica del periodo del nazismo e del fascismo e della guerra fredda che hanno portato alla realizzazione di centri intitolati a quelle esperienze visitati da migliaia di persone provenienti da tutta Europa». Si cita a Berlino la Topografia del terrore e il Centro della memoria e della Resistenza tedesca, a Norimberga il Centro documentazione, ad Amsterdam il Museo Anna Frank.

Roma, ultrà ed estremisti, guerriglia al Circo Massimo: 2 arresti e 13 fermi


Zevi: sarebbe sfregio capitale. Museo Fascismo a Roma: Zevi, sarebbe sfregio alla Capitale “Un museo del Fascismo a Roma sarebbe uno sfregio alla storia della Capitale e d’Italia. Il negazionismo e l’ignoranza vanno combattuti con il ricordo, lo studio, e la conoscenza, non con la creazione di musei che, inevitabilmente, diventerebbero dei luoghi-simbolo in mano alla propaganda più deteriore della destra nostalgica”. Lo dice in una nota il presidente dell’Osservatorio “Roma puoi dirlo forte”, Tobia Zevi, a proposito della mozione presentata da tre Consiglieri comunali pentastellati di Roma Capitale.

Ultimo aggiornamento: 18:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA