«Lazio, obbligo mascherina in zone movida anche all'aperto». Poi la Regione frena

Martedì 21 Luglio 2020
Lazio,obbligo mascherina in zone movida: è in arrivo un'ordinanza della Regione

Mascherina obbligatoria nei luoghi della movida. La Regione Lazio annuncia di essere al lavoro su un'ordinanza per rendere obbligatorio l'uso della mascherina quando si verificano condizioni di assembramenti anche all'esterno. In particolare il provvedimento mira a prevenire nuovi contagi dovuti all'affollamento incontrollato nei luoghi della movida. Più volte l'assessore alla sanità della Regione Alessio D'Amato negli ultimi giorni ha richiamato all'importanza dell'uso della mascherina in determinate situazioni. Poi la franata: «Stiamo monitorando con attenzione la situazione e ringrazio tutto il personale sanitario impegnato nel controllo del territorio. Per ora non procederemo con una ordinanza su obbligo mascherina, ma riprenderemo una forte campagna di informazione per invitare tutti alla responsabilità e a rispettare le regole. Faccio un appello ai sindaci a emettere, lì dove necessario, ordinanze per limitare ed evitare assembramenti. La nuova campagna invita tutti a non diventare complici del Covid 19. Eccola. Chiedo a tutti: massima diffusione!», scrive su Facebook il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Coronavirus Roma, «ragazzi vestiti come in Arancia Meccanica sputano sui citofoni». Movida choc a Trastevere

«Troppi assembramenti», multata l'arena cinematografica Astracult. Chiusa la discoteca Snodo Mandrione

Roma, a via del Mandrione chiusa una discoteca: tutti in pista senza mascherina

Da giorni è scattato l'allarme nelle piazze e nelle strade romane più frequentate dai ragazzi: da Trastevere a San Lorenzo e Ponte Milvio assembramenti, folla di giovani senza mascherine e cautele. Lo scorso settimana si sono intensificati i controlli anti-covid delle forze dell'ordine e due locali sono stati chiusi a Trastevere. Bande di ragazzini «vestiti tutti uguali, come in Arancia Meccanica» stanno terrorizzando i residenti del quartiere, ha denunciato la costumista Fiorenza Cipollone, che abita a Trastevere: sputano sui citofoni per trasmettere il virus. 

A San Lorenzo nel fine settimana durante i controlli per verificare il rispetto delle norme di sicurezza  sono state identificate 426 persone, di cui 28 sanzionate per il mancato distanziamento.  Gli esercizi commerciali controllati sono stati 24, di cui 4 chiusi per il mancato rispetto delle norme anti Covid. A Villa Borghese una discoteca è stata multata per assembramenti. 

 

 
 

 

Ultimo aggiornamento: 20:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA