Ostia: furti, rapina e spaccio
quattro arrestati dai carabinieri

Sabato 27 Febbraio 2021
Ostia: furti, rapina e spaccio quattro arrestati dai carabinieri

Quattro persone sono state arrestate  dai carabinieri di Ostia durante una serie di controlli del territorio. Il primo a finire in manette è stato un 22enne sorpreso mentre, a bordo della sua auto, ha aspettato un cliente al quale ha ceduto 5 grammi di cocaina. Il pusher, che è stato trovato anche in possesso della somma contante di 150 euro, ritenuta provento dell'attività di spaccio, è stato arrestato, la droga ed il denaro rinvenuti sono stati sequestrati, mentre l'acquirente è stato segnalato alla locale Prefettura.

Poco prima i carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Roma Ostia hanno arrestato due persone per furto. I militari, in transito sul lungomare di Ostia, sono stati avvicinati da un cittadino che gli ha riferito di avere appena subito il furto di alcuni oggetti dall'interno della propria vettura alla quale era stato infranto il vetro. I militari, attesa l'imminenza del reato e acquista la descrizione di quanto rubato, si sono immediatamente posti alla ricerca di possibili sospetti nelle vicinanze. Dopo pochi minuti, i militari hanno notato 2 persone che alla loro vista hanno subito cercato di allontanarsi. Bloccati i 2, entrambi pregiudicati, uno dei quali residente nella vicina piazza Gasparri, i carabinieri li hanno perquisiti, trovandoli in possesso degli oggetti precedentemente asportati dall'interno dell'autovettura. I 2 uomini sono così finiti in manette. Infine è stato arrestato, su disposizione del Tribunale di Roma, anche un 20enne di Casal Palocco. Il giovane, al termine di un'approfondita attività investigativa condotta dai carabinieria, è stato individuato quale uno dei responsabili di un'efferata rapina a mano armata, perpetrata, poco prima di Natale, all'interno di un parco pubblico della zona, ai danni di due donne e culminata nella feroce aggressione di una delle vittime. I giovane, nei cui confronti, accertatane l'elevata pericolosità sociale, è stata disposta la misura della custodia cautelare, è stato ristretto agli arresti domiciliari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA