Permessi per ambulanti: 16 indagati a Roma tra dirigenti comunali e Tredicine

Mercoledì 13 Febbraio 2019
Soldi in cambio di permessi per ambulanti: 16 indagati per estorsione, anche esponenti famiglia Tredicine

È una nuova bufera giudiziaria quella che è scoppiata a Roma. Al centro le licenze per il commercio ambulante e per i cosiddetti camion bar. In questo momento su disposizione della Procura sono in corso perquisizioni presso le abitazioni di alcuni sospettati di far parte di un’associazione a delinquere per gestire appunto i permessi degli ambulanti.
 

 

Nell’inchiesta sono 16 le persone indagate per i reati, a seconda delle posizioni, di induzione indebita a dare o promettere utilità, falso ed estorsione. La Guardia di Finanza e la polizia locale si sono recati anche preso gli uffici del Dipartimento VIII delle Attività produttive del Comune per richiedere l’esibizione di alcuni documenti.

GLI INDAGATI
Nel registro degli indagati sono iscritti tra gli altri il capo dell'Ufficio Rotazione dipartimento VIII del Comune di Roma e l'addetto dello stesso ufficio, il presidente della Federazione italiana venditori ambulanti e giornalai della Cisl (Fivag), Vittorio Baglioni e l'esponente sindacale Fivag, Dino Tredicine. Risulta indagato anche il presidente dell'Unione provinciale venditori al dettaglio Upvad, Mario Tredicine.

La famiglia Tredicine L'attività istruttoria di oggi, che ha riguardato anche le abitazioni di due funzionari comunali, è stata svolta dal Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza e al decimo gruppo Ostia della Polizia Locale.

SOLDI NASCOSTI OVUNQUE
Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati documenti e oltre 250 mila euro in contanti di cui 12 mila nei confronti di un dipendente comunale e altre somme ad un esponente di una associazione di categoria che aveva occultato il denaro oltre che in una cassetta di sicurezza anche in un pianoforte, nella cappa di una cucina e nella sella di una cyclette.

Ultimo aggiornamento: 17:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA