Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Peste suina a Roma, l'area del Parco dell'Insugherata sarà isolata: «Segnalate gli animali morti»

Il commissario: "Malattia molto aggressiva, ma non c'è nessun pericolo per l'uomo"

Venerdì 6 Maggio 2022 di Flaminia Savelli
Peste suina a Roma, l'area del Parco dell'Insugherata sarà isolata: «Segnalate gli animali morti»

Cancellate, reti Keller e da oggi anche una task force e l'attivazione di un numero verde. Campidoglio e Regione Lazio stanno attivando una serie di misure contenitive per arginare le incursioni sempre più frequenti dei cinghiali. E ora, anche di arginare il contagio da peste suina. Intanto l'ultima contro misura, attivata dopo la conferma del primo caso di Psa.

Peste suina africana a Roma, cos'è? Allarme per maiali e cinghiali: sintomi e come si trasmette


LA TASK FORCE
«In seguito al ritrovamento di un esemplare di cinghiale morto a causa della peste suina, si è riunita la task force della Regione Lazio» confermano gli uffici di via Cristoforo Colombo. «La Regione - si legge nella nota ufficiale - metterà a disposizione da domani il numero verde della Protezione civile regionale (803555) per segnalare eventuali ritrovamenti di animali morti e attivare immediatamente i servizi veterinari». Non solo: è stato deciso di individuare, sulla base delle carcasse rinvenute, l'area da perimetrare e consentire gli interventi che la commissione nazionale stabilirà. Intanto, per questa mattina è previsto per un sopralluogo di tecnici e veterinari per definire i dettagli degli interventi necessari.


LA MAPPA
A causa delle incursioni sempre più frequenti, dallo scorso aprile il Campidoglio sta pianificando una serie di interventi mirati. A partire dalle speciali reti Keller, installate anche in profondità nel terreno per bloccare gli scavi degli animali. Le prime sono state installate lo scorso 13 aprile in via Gattorno (XIV Municipio), e anche l'Ente RomaNatura ha individuato alcuni punti d'accesso sui quali iniziare i lavori. Un piano che si allarga a tutte le aree verdi della Capitale dove sono state segnalato branchi di cinghiali che si sono spinti fino ai quartieri. Puntando ai secchioni della spazzatura dove rifocillarsi. Come stabilito dal programma, i tecnici dell'assessorato all'Ambiente, è stata conclusa anche la mappatura di una zona rossa del municipio XIV ed è in fase conclusiva anche quella del XV. Anche in questo caso, si tratta delle aree dove negli ultimi mesi le segnalazioni sono state più frequenti. In questi quadranti quindi, i tecnici hanno individuato tutti i varchi. Cioè i corridoi che gli animali utilizzano per arrivare in città. Ancora: le aree più idonee per la costruzione di recinzioni di contenimento e di chiusura dei possibili accessi. Campidoglio e Regione lavoreranno nei prossimi giorni sul doppio binario: da una parte per isolare i casi di peste suina. Dall'altra, per limitare gli spostamenti degli esemplari.

Ultimo aggiornamento: 18:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA