Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vaccino Lazio, prenotazione da 18 a 49 anni: asma, disturbi tiroide, bulimia, celiachia. La lista delle patologie di chi può ricevere la prima dose

Domenica 2 Maggio 2021 di Stefania Piras
Vaccino, giovani: dall'asma all'ipotiroidismo e la bulimia, ecco chi sta per ricevere la prima dose

Ieri, le prenotazioni per chi è celiaco, ha l'asma o soffre di bulimia o per via della tiroide, si sono aperte anche prima della mezzanotte e si è creato un ordinato e gioioso ingorgo virtuale per accaparrarsi la prima dose e il richiamo del vaccino anti Covid. Il sito era rallentato e le prenotazioni, con le somministrazioni disponibili già dalla prossima settimana in tutta la regione (da Roma a Frosinone e Viterbo), acchiappate con un clic in tempi rapidissimi (se non si conclude l'operazione nel giro di dieci minuti circa è possibile che compaia un messaggio di questo tipo: «Questo appuntamento è già prenotato da un altro utente»). 

 

Giovani - La notizia è che da ieri, 1° maggio, possono prenotare il vaccino un vasto gruppo di persone che hanno una patologia certificata dal Sistema sanitario (e quindi in possesso di un codice di esenzione: un codice alfanumerico che identifica  una malattia o condizione sanitaria particolare) e che vanno dai 18 ai 49 anni. Quindi un giovane dai 18 anni in su che soffre, ad esempio, di bulimia o ipotiroidismo può prenotare il vaccino. 

La bulimia e l'ipotiroidismo (e altri disturbi della tiroide) sono solo due esempi di comorbidità, cioè patologie. Ma in realtà le patologie sono tantissime: sono quattro pagine fitte fitte di codici di esenzione collegati ad altrettante fragilità. Ci sono ovviamente i tumori, l'ipertensione, aritmie cardiache, malattia celiaca, dermatite erpetiforme, psoriasi, l'asma appunto o anche la bulimia, l'anoressia nervosa, il diabete o l'epilessia

Qui trovate l'elenco completo. Se soffrite di una di queste patologie e il Sistema sanitario regionale lo ha riconosciuto e certificato consegnandovi un codice di esenzione, potete prenotare il vaccino. 

Ancora dubbi? Come fare a sapere in modo semplice se si può prenotare il vaccino se non si è sicuri di avere una esenzione o di essere comunque idonei alle prenotazioni in questo momento? Basta aprire la pagina delle prenotazioni dei vaccini sul portale Salute.Lazio (https://prenotavaccino-covid.regione.lazio.it/main/home) e cliccare su una delle fasce su cui si ritiene di appartenere: inserire codice fiscale e ultime cifre della tessera sanitaria. Se si apre la pagina delle prenotazioni, fate parte nelle categorie prioritarie, altrimenti bisognerà ancora attendere. 

Vaccini, Figliuolo: «Dopo gli over 65 possiamo aprire a tutti, precedenza a classi produttive»

Altra notizia comunicata dall'assessore Alessio D'Amato oggi per chi deve prenotare il vaccino: «In settimana scenderemo a ritroso sul target anagrafico, andremo sui 57-56 anni e continueremo a ritroso. Nelle strutture allestite nel Lazio c'è ormai un livello di accoglienza che raramente è stato trovato in questa città», ha detto durante l'inaugurazione all'hub vaccinale di Porta di Roma.

 

Ultimo aggiornamento: 22:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA