Bande rom e mazzette: «Traffico illecito di rifiuti», 23 misure cautelari, nei guai dipendenti Ama

di Michela Allegri e Camilla Mozzetti

  • 88
Avrebbero dovuto ricevere, custodire e stoccare i rifiuti seguendo la legge e le disposizioni in materia di smaltimento. E invece, forti del proprio ruolo, tre dipendenti dell'Ama Roberto Valente, responsabile del presidio di raccolta, Vincenzo Bretti, responsabile di turno e Gianni Di Cataldo, operatore ecologico avevano organizzato un vero e proprio business legato al traffico illecito di rame, legname, batterie elettriche e ottone. Base operativa: il centro raccolta di Mostacciano. Ora sono finiti ai domiciliari. Il meccanismo era ormai...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 20 Febbraio 2019, 10:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP