Due rom la volevano rapinare in casa a Roma, 90enne li mette in fuga a morsi

A tradire i banditi sono state le impronte digitali lasciate nella casa

Mercoledì 20 Aprile 2022 di Marco De Risi
Due rom la volevano rapinare in casa a Roma, 90enne li mette in fuga a morsi

Un violento tentativo di rapina nell'abitazione ad un'anziana di 90 anni vicino piazza Bologna, ma l'anziana ha neutralizzato i ladri mordendoli mentre loro cercavano d'immobilizzarla. A tradire i banditi sono state le impronte digitali lasciate nella casa. Così, dopo la fuga, uno di loro è finito in manette. Si tratta di un sedicenne di etnia rom, finito nel carcere minorile, mentre il complice è ricercato.

Rom morsi da un'anziana, la storia

 

Il tentativo di furto è avvenuto il 7 aprile scorso e, nonostante la 90enne sia stata aggredita, ha messo in fuga i ladri perché proprio non ne ha voluto sapere di arrendersi ai due malviventi. Questa la ricostruzione del tentativo di rapina: la coppia di banditi, forzando una porta finestra, era riuscita ad entrare in casa della novantenne. Lei, dopo averli visti, ha urlato ma è stata immobilizzata e trascinata sul pavimento dai due. Un'operazione che poteva fare molto male alla vittima.

Roma, titolare pestato nel "B&B": rapina choc al Tiburtino, rubato l’incasso di 7mila euro in contanti

Roma, blitz nella villa sulla Camilluccia. Spara in aria davanti ai ladri: «Ho difeso la mia famiglia»

 

L'anziana, nonostante la paura, ha continuato a reagire, mordendo i ladri alle mani e mettendoli così in fuga senza bottino, attirando l'attenzione dei vicini di casa. Sul posto, sono così arrivati gli agenti di polizia e la squadra della scientifica. Grazie alle impronte rilevate la squadra di polizia giudiziaria del commissariato Porta Pia, ha identificato uno dei due ladri: un 16enne che vive nel campo nomadi di Villa Gordiani.

 


Proprio nel giorno di Pasquetta, gli investigatori gli hanno notificato l'ordinanza di arresto per tentata rapina. Si sono recati al campo nomadi e non è stato facile rintracciare il minore che è stato coperto da altri nomadi proprio per non farlo arrestare. Il minorenne, comunque, è stato preso ed è a disposizione dell'autorità giudiziaria. Continua la caccia al complice. La vittima, invece, se l'è cavata con qualche livido.

Rapina in villa e al Golf club, sgominata la banda dei rom. Marina Lanza: «Non sembravano dei nomadi»

 

«Ero in casa - ha raccontato l'anziana signora alla polizia -. Era di giorno quando mi sono ritrovata quei due ragazzi dentro casa. Avevano il volto coperto da mascherine. Mi sono morta dalla paura. Quei due mi hanno sopraffatto sdraiandomi a terra e poi mi hanno bloccato le braccia. A quel punto io ho reagito e ho preso a morsi i due rapinatori. E poi mi sono messa a gridare con quanto fiato avevo in gola. I morsi più le mie urla che hanno attirato l'attenzione dei vicini, hanno messo in fuga i due ladri. Poi ora che ne avete preso uno sono contenta speriamo che la polizia prenda anche l'altro».
Nel quadrante di piazza Bologna le rapine sono un problema evidente. Spesso alcuni banditi s'introducono nelle case di donne sole ed indifese per prenderle in ostaggio a scopo di rapina. E i bottini non sono neanche di alto valore. Come se i criminali andassero un po' alla cieca tentando la rapina lì dove riescono ad entrare.
 

Ultimo aggiornamento: 12:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA