Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, operaio accoltellato e ridotto in fin di vita in via Marsala: arrestano 40enne per tentato omicidio

Sabato 23 Maggio 2020
Roma, operaio accoltellato e ridotto in fin di vita in via Marsala: arrestano 40enne per tentato omicidio

I carabinieri del nucleo Scalo Termini, con la collaborazione dei militari della stazione Macao, hanno arrestato un 40enne romano, ritenuto l’autore di un tentato omicidio ai danni di uno slovacco di 55 anni. L’uomo dell’est Europa, operaio edile, sposato, residente a Pomezia, tuttora è in terapia intensiva, intubato e in coma farmacologico, identificato solo in un secondo momento grazie alle impronte digitali, la notte tra l’8 e il 9 maggio scorso era stato soccorso da un’ambulanza e trasportato al pronto soccorso del policlinico Umberto I, dopo essere stato trovato in via Marsala per terra, privo di sensi ed in stato di totale incoscienza, con indosso solo gli slip. 

Tentato omicidio a Termini, straniero accoltellato al petto

Roma, spacciatori rapinano turisti australiani: nel bottino un orologio da 27 mila dollari

L’uomo era ferito all’addome da diverse coltellate e aveva diverse ecchimosi e contusioni al volto, riconducibili ad una violenta aggressione. La moglie della vittima non vedendolo rientrare aveva presentato denuncia di scomparsa, riferendo che il marito era andato a Roma per riscuotere del denaro dal suo datore di lavoro per alcuni lavori edili. Grazie a un’accurata indagine, i carabinieri della compagnia Centro sono riusciti a ricostruire quanto accaduto: la notte dell’aggressione, il 40enne italiano, approfittando dello stato di ubriachezza dello slovacco che era stato con amici nei pressi di Porta San Lorenzo, lo ha scaraventato a terra, aggredendolo brutalmente, spogliandolo e portandosi via i vestiti, un cellulare e del denaro. Individuato il presunto responsabile, i carabinieri lo hanno fermato con l’accusa di tentato omicidio e rapina e, su disposizione del Gip del tribunale, condotto in carcere. 

Ultimo aggiornamento: 11:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA