Roma, incroci killer e investimenti: semafori smart in 41 strade e strisce pedonali luminose

Domenica 5 Luglio 2020 di Giampiero Valenza
Roma, incroci killer e investimenti: semafori smart in 41 strade e strisce pedonali luminose

Lo ammette anche il Campidoglio nella sua delibera: ci sono alcuni incroci che hanno un maggior “costo sociale” che viene causato dagli incidenti stradali. Così la giunta comunale ha stanziato poco meno di tre milioni e mezzo di euro per metterli in sicurezza, per installare semafori nuovi e per avviare “ristrutturazioni consistenti” di quelli che necessitano di un restyling maggiore.






STRISCE LUMINOSE
In qualche caso, inoltre, arrivano le strisce pedonali luminose proprio per cercare di far attraversare la strada in tutta sicurezza facendo in modo che gli automobilisti possano pigiare di più sul freno e rallentare la marcia per le strade della città. Sono 41 in totale gli incroci pericolosi che sono stati inseriti all’interno del piano degli interventi del 2020 del Comune di Roma. Si tratta di un investimento complessivo di 3.445.123 euro di spesa (che, al netto di Iva, oneri per la sicurezza, incentivi e imprevisti, sono 2.530.118 euro). Per il sistema integrato di controllo del traffico è Roma Servizi per la mobilità a trasmettere periodicamente al Comune il programma triennale di tutti quegli interventi da realizzare che poi vengono ordinati sulla base del “costo sociale derivante dall’incidentalità stradale”. Il piano viene aggiornato ogni anno sulla base degli interventi necessari e delle risorse a disposizione. Questa sorta di indice analizza gli incidenti che vengono rilevati dalla polizia locale e che fa mettere a punto così una vera e propria classifica dei luoghi più insidiosi per il traffico della Capitale. Tra gli incroci più “fortunati” che beneficeranno dell’intervento comunale spiccano piazza di Porta Pia (con una spesa di 136.391 euro), l’incrocio tra via Salaria e via Panama (122.709 euro), lungotevere Cadorna all’altezza dello Stadio del nuoto (119.266 euro), via San Giovanni Bosco all’altezza di via Calpurnio Fiamma (116.034 euro), gli incroci di viale dei Romanisti con via Luigi Ferretti (113.217 euro) e con via Pietro Romano (102.376 euro), l’area tra via delle Baleniere e via delle Antille (per un investimento di 96.130 euro) e piazza Buenos Aires (93.830 euro). Nel centro si aprirà il cantiere per la ristrutturazione del semaforo di via dell’Amba Aradam e, in zona Circo Massimo, l’intervento sarà per Largo Vittime del Terrorismo all’altezza di via Baccelli. In una classifica tra municipi il provvedimento approvato dalla giunta Raggi incide più sugli incroci del XII (con 6 interventi ciascuno), e a seguire su quelli del VI e del II (con 5). Quattro interventi li portano a casa i residenti dei municipi XI e XIII. Si fermano a tre ciascuno, invece, i programmi per gli incroci del I, del VII e del XIV. Due programmi per municipio sono previsti al III, all’VIII e al X. Ultimi in questa classifica per la sicurezza stradale i municipi IV e XV che beneficeranno solo di un intervento a testa. Le strisce pedonali luminose arriveranno a via Trionfale (all’altezza dell’incrocio con via Taverna) e a via Ostiense (all’altezza del civico 1748). Oltre ai nuovi semafori sono 14, invece, le ristrutturazioni degli impianti che saranno portate avanti con questo programma approvato dalla giunta di Palazzo Senatorio. 




 

Ultimo aggiornamento: 00:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA