Roma, vuole rientrare in casa ubriaco e minaccia la moglie, arrestato 50enne romano

Martedì 5 Maggio 2020

Chiuse in casa con il compagno violento. La pandemia e l’isolamento in casa hanno fatto emergere ancor di più la violenza sulle donne. L'ultimo caso 24 ore fa a Roma: il marito minaccia la moglie che non lo fa rientrare in casa perché ubriaco e violento. L'uomo si era allontanato da casa da qualche giorno dopo l'ennesimo litigio con la moglie. Poi ieri sera decide di tornare: è completamente ubriaco, urla, colpisce la porta di casa con calci e pugni, minaccia la donna chiusa in casa insieme alla figlia piccola che la ucciderà se non apre subito. La donna trova il coraggio e la forza di chiamare le forze dell'ordine. I carabinieri della stazione Roma piazza Dante arrivano in via Giolitti: l'uomo è ancora ubriaco, urla anche ai carabinieri tutta la sua rabbia. Poi l'arresto per il 50enne romano, con precedenti, con le accuse di maltrattamenti in famiglia. La donna è stata trasportata al pronto soccorso dell'ospedale Fatebenefratelli e dimessa con alcuni giorni di prognosi. L'uomo è stato portato in carcere a Regina Coeli, a disposizione dell'Autorità giudiziaria.

LEGGI ANCHE Coronavirus, i centri anti-violenza: «Pressioni sulle vittime per denunciare i compagni. Rispettare i tempi delle donne»

LEGGI ANCHE Coronavirus, la strage in quarantena: undici donne uccise nei due mesi dell'emergenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA