Traffik e Gallagher, chi sono i trapper arrestati: nei loro brani violenza, spaccio e disagio

Traffik e Gallagher, chi sono i trapper arrestati: nei loro brani violenza, spaccio e disagio
ARTICOLI CORRELATI
di Giampiero Valenza

0
  • 20
Sui social network non mancano di usare il linguaggio tipico della musica trap, tutta di violenza, spaccio e disagio.Traffik e Gallagher, i due trapper arrestati dai carabinieri di Roma perché accusati di aver rapinato alcuni loro fan alla stazione Termini, sono noti per il loro linguaggio provocatorio che attrae migliaia di giovani. 

Leggi anche --> Roma, arrestati i rapper Traffik e Gallagher: hanno rapinato 4 fan che chiedevano autografi e picchiato un bengalese

Gabriele Magi, in arte Gallagher, del quartiere Trieste, a ottobre del 2017 posta su Instagram una fotografia con una busta che tutto sembra tranne che camomilla. E scrive: “Quello che mi serve per dormire”. Poi, il giorno di San Silvestro dello stesso anno, si diverte a fare il duro e pubblica la sua foto, a torso nudo, con i fucili da softair come se fosse Rambo. Qualche tempo dopo, a ottobre 2018, posta un suo fotomontaggio in una volante della polizia e, dopo aver scritto la sigla inglese Acab (All cops all ba****s, tutti i poliziotti sono ba*****i), si rivolge agli agenti e scrive loro: "Stupidi servi non vendo più un c***o ora sono famoso".

Traffik (il cui vero nome è Giammarco Fagà), è di Monti e sempre su Instagram si diverte a trasmettere un video dove crea una bevanda simile al Purple Drink, un mix di una bevanda gassata e di uno sciroppo per la tosse che, se usato in modo improprio, può dare dipendenza ed effetti psicologici. 
 
 

Drippy 💦💦

Un post condiviso da R1Q17 BOMBER METAL DRILL ⛓ (@traffikflexboyr1) in data:


 
Sabato 23 Marzo 2019, 14:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP