Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tumori del cavo orale, giornata dedicata alla prevenzione a Piazza Vittorio

Giovedì 12 Maggio 2022
Tumori del cavo orale, giornata dedicata alla prevenzione a Piazza Vittorio

“Prevedere è meglio che curare” è lo slogan dell’edizione 2022 dell’Oral cancer day  che coinvolge le principali città italiane, su iniziativa dell’Associazione nazionale dentisti italiani e della Fondazione Andi Onlus. A Roma  si svolgerà in Piazza Vittorio (davanti alla Chiesa di Sant’Eusebio) dalle 10 alle 13 di sabato 14 maggio. 

L'evento è dedicato alla prevenzione dei carcinomi orali.  Quella del cavo orale è tra le forme tumorali più diffuse al mondo e ogni anno si registrano circa 8.000 nuovi casi, con una mortalità, a 5 anni dalla diagnosi, di oltre il 39%. L’incidenza è in aumento e una diagnosi precoce può garantire uno standard di sopravvivenza dell’80%.

L’evento si svolgerà con un doppio binario: in strada con un gazebo e virtuale per coloro che preferiscono questa soluzione. Verranno fornite tutte le informazioni su questa forma di tumore spesso sottovalutata ma insidiosa. «L’obiettivo è diffondere la consapevolezza dell’importanza della prevenzione, fondamentale per combattere questo “nemico” della salute. L’evento servirà soprattutto per richiamare l’attenzione dei cittadini che durante la pandemia hanno abbandonato o allentato la cura dei denti» - si legge in una nota.

Dal 16 maggio al 17 giugno, inoltre, 118 studi dentistici della Capitale, e 2.233 nelle principali città italiane coinvolte nell’iniziativa, effettueranno visite gratuite di screening per individuare casi conclamati o sospetti di carcinoma del cavo orale. L’elenco degli studi sarà disponibile sul sito di Andi Roma. «Circa un terzo degli italiani durante il periodo della pandemia si è rivolto al dentista solo per le urgenze contro solo poco più di un quarto di accessi negli studi dentistici per controlli di routine. Una percentuale che a Roma ha superato il 40% in meno di visite. In particolare abbiamo osservato un aumento dei casi di carcinoma che avrebbero potuto essere diagnosticati in tempo e ora devono essere curati in fase avanzata». 

Per l'occasione Andi Roma ha definito un accordo di collaborazione con il Movimento consumatori Roma Capitale «finalizzato a una maggiore penetrazione sul territorio, tra i cittadini e i dentisti, delle tematiche relative alla salute orale e alla deontologia dell’attività odontoiatrica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA