Roma, ubriaco insulta i passanti: ragazzo interviene e viene accoltellato

Martedì 25 Agosto 2020 di Marco De Risi
Roma, ubriaco insulta i passanti: ragazzo interviene e viene accoltellato

Un tentato omicidio dovuto a motivi più che banali. È quanto accaduto domenica notte a Formello dove un automobilista ha accoltellato un passante in modo grave. Il coltello ha colpito il giovane, 24 anni, aduna gamba e ad un braccio. Diversi fendenti che per fortuna non hanno preso punti vitali. Sono intervenuti i carabinieri che nel giro di poco hanno rintracciato e arrestato l’accoltellatore, un romano di 32 anni. Quest’ultimo ha cercato di allontanare i sospetti, ha detto che non era lui il colpevole, ma è stato inchiodato da diversi testimoni. A causare il grave ferimento è stato il trentaduenne che ha agito in preda all’alcol. Proprio le sostanze alcoliche hanno amplificato il comportamento dell’uomo che ha reagito per un non nulla.

Rieti, rissa fra coniugi in strada tra l'indifferenza dei passanti, interviene la polizia

Roma, aggrediscono passanti con bottiglie rotte a Piazza Cinquecento: feriti un uomo e un agente

 

I fatti

È successo che, verso la mezzanotte, l’uomo sia capitato in una piazza a bordo della sua auto. Lui è sceso dalla macchina e si è messo a gridare e a insultare senza motivo i presenti. A quell’ora c’erano alcune persone e una comitiva di giovani che stavano consumando davanti ad un bar. L’uomo ha insultato le persone e non accennava a smettere. Continuava ad inveire e a gridare sicuramente stimolato dalla sbronza. A quel punto un ragazzo della comitiva, il ventiquattrenne, ha cercato di calmarlo. La situazione si stava facendo incandescente perché qualcuno nella piazza, offeso senza motivo, accennava ad una reazione. Allora, il giovane ha cercato di farlo smettere. Si è staccato dalla comitiva e, pensando che l’uomo fosse innocuo, si è diretto verso di lui per farlo stare calmo. «Smettila.. Stai strillando e imprecando, cerca di calmarti», ha detto il ragazzo all’ubriaco pensando di non avere nulla da temere. Le cose non stavano così: il trentaduenne aveva in tasca un coltello a serramanico dalla lama di almeno quindici centimetri. Quando il ragazzo si è avvicinato cercando di farlo stare tranquillo la situazione è diventata drammatica.
 

Il coltello

Nelle mani della persona ubriaca è balenato il coltello che ha usato contro il giovane. Quando il ragazzo ha visto il bagliore dell’arma era già troppo tardi. Ha cercato di allontanarsi, ma alcuni fendenti l’hanno raggiunto. E’ stato colpito alla gamba destra. A quel punto il ragazzo ha cercato di ripararsi ma è stato ferito anche ad un braccio. Almeno quattro colpi che hanno procurato al ferito dei tagli anche profondi. Una scena terribile con il ragazzo a terra sanguinante. La comitiva e le altre persone hanno reagito. Se avessero preso l’accoltellatore sicuramente lo avrebbero bloccato, ma lui è stato veloce ed è riuscito a fuggire al volante della sua auto. I testimoni hanno chiamato i carabinieri della compagnia Cassia che sono arrivati sul posto. Intanto, il ferito è stato portato al Sant’Andrea dove ha avuto una prognosi di una ventina di giorni. I medici gli hanno suturato le ferite. I militari dalle descrizioni hanno capito chi era l’aggressore che ha qualche precedente penale. Così i carabinieri l’hanno arrestato a casa sua mentre era già a letto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA