Start-up e lavoro del futuro: oggi a Zagarolo i ragazzi da tutto il Lazio scoprono l'impresa

Palazzo Rospigliosi a Zagarolo, a sud est di Roma
Palazzo Rospigliosi a Zagarolo, a sud est di Roma
di Massimo Sbardella
Domenica 19 Dicembre 2021, 10:17 - Ultimo agg. 13:11
2 Minuti di Lettura

Come fa un giovane a diventare imprenditore? E su quali settori gli conviene scommetere per il futuro? Ragazzi da tutto il Lazio convergono oggi, domenica, a Zagarolo, a sud di Roma, dove potranno scoprire, e capire, le professioni di domani con lezioni gratuite. L'iniziativa si chiama “Impresa giovane” e, organizzata dal Consiglio comunale dei giovani di Zagarolo con il Comune dell’area prenestina sud-est di Roma e da Spazio Attivo di Lazio Innova (Regione), propone nei locali di Palazzo Rospigliosi sette incontri formativi, un’ora ciascuno, per affrontare temi di grande attualità, con esperti del settore. Si inizia alle 10.30 e si va avanti fino a stasera, con approfondimenti, prove pratiche e testimonianze. I corsi sono gratuiti: basta iscriversi (dalle pagine Fb e Instagram del consiglio comunale dei giovani).

«La nostra generazione, - spiega Andrea Quaranta, presidente del consiglio comunale dei giovani - sente il bisogno di capire cosa fare del proprio futuro e come avvicinarsi al mondo lavorativo. Questa giornata nasce dalla voglia di arrivare nel futuro con la giusta preparazione». «Come Consiglio Comunale dei Giovani di Zagarolo – sottolinea Quaranta - vogliamo dare a quella che è nota come Generazione Z la possibilità di confrontarsi con professionisti dell’imprenditoria. L’evento è sviluppato in diverse fasce orarie, con differenti workshop che vanno dall’agricoltura 4.0 al Food Tech, dall’E-commerce ai Green Jobs. Creatività e professionalità: il binomio con cui ogni giovane potrà sentirsi padrone di creare e sviluppare un’idea, sino a renderla lavoro».
L’iniziativa si conclude con un incontro dedicato al Pnrr e alle opportunità che il piano del Governo italiano offre per le nuove professioni, ascoltando ospiti e professionisti. «Voglio ringraziare – conclude Quaranta - la direttrice dello Spazio Attivo, Berenice Marisei, il Comune di Zagarolo per il sostegno fisico e morale nella creazione dell’evento e, soprattutto, i membri del consiglio». La sessione di oggi verrà replicata, con nuovi temi e altri docenti, a marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA