Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il 2020 e il Covid hanno rubato 12 milioni di turisti a Roma

Sabato 19 Dicembre 2020 di Mauro Evangelisti
Il 2020 e il Covid hanno rubato 12 milioni di turisti a Roma

Dodici milioni. Sono i turisti persi nel 2020 da Roma. Immaginiamo quanti soldi questi visitatori avrebbero riversato sull’economia della città, quante camere d’hotel avrebbero pagato, quante cene al ristorante, quanto spesso avrebbero avvicinato la carta di credito al contactless per lo shopping. Tutto sparito, in uno battito d’ali di pipistrello, se mai sarà dimostrato che Sars-CoV-2 è il prodotto di una zoonosi, il passaggio del virus da un animale fino all’uomo.

Roberto Necci, presidente del Centro studi di Federalberghi, sta completando i calcoli sugli arrivi del 2020 ed è costretto a descrivere una situazione che mai qualcuno avrebbe potuto immaginare nella città in cui la crescita del turismo sembrava non finire mai. Un dato per tutti: gli americani. Erano 2 milioni nel 2019, nel 2020 sono stati appena 60.000. Per Capodanno solo 8 hotel su 100 a Roma resteranno aperti. «La nostra ripresa si chiama vaccino» dice Necci. Le speranze, ma anche le previsioni, ipotizzano per giugno una graduale ripresa del turismo. Molto dipenderà dalla efficacia dei vaccini. E dalla ripartenza dell’economia globale. Alla luce dei segnali contingenti forse avremo molti più turisti cinesi del passato.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA