Sotto casa spuntano le Obike private (rubate)

Mercoledì 23 Maggio 2018 di Raffaella Troili
Sotto casa spuntano le Obike private (rubate)

Bici a noleggio...di proprietà! Come dimostrare al resto del mondo la civiltà e il senso del progresso che hanno i romani..
@daniele


Ehi tu incivile, che hai parcheggiato l’Obike sotto casa, legata al palo con il lucchetto come fosse tua, lo sai che fai vergognare tutto il vicinato? Che quella bici non è tua, l’hai rubata sfilando il cestello, il lucchetto, smontando il chip. Macchenesai, magari nemmeno conosci il significato della parola sharing. Ti serviva una bici e te la sei presa. Un furto da bambini, una due ruote, nemmeno l’hai riverniciata, ma la ostenti senza pensieri, relegando chi prova a far meglio tutti i giorni, a ingoiare il rospo, a scuotere la testa e pensare che nei romani - almeno alcuni - parole, sentimenti come civiltà e progresso restino concetti lontani dalla realtà quotidiana. Almeno i rom le hanno rubate e se le sono nascoste dentro il campo di via di Salone. Ma sotto casa, no, è troppo sfacciato, se la batte con l’incivile che le accatasta, quello che le appende all’albero, il ragazzino che l’ha lasciata nel parco ma nel mezzo del nulla. 
Peccato perché ogni volta che torniamo dall’Estero, non per forza da Amsterdam, siamo tutti pieni delle migliori intenzioni. Facciamo paragoni, diamo la colpa alle istituzioni. Ci riempiamo la bocca di “come sarebbe bello...”. Poi arrivano quelli che rovinano tutto, ci riportano all’età della pietra, «adesso questa è mia perché mi serve», penserà l’uomo con la clava. Per fortuna tanti s’indignano e scrivono, segnalano con tanto di foto sui social network o addirittura al sito Obike, le biciclette smarrite... La maggioranza silenziosa che non ci sta a passare per incivile.

Ultimo aggiornamento: 00:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA