Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CrimiNapoli 32 / La strage degli innocenti: tutti i bambini vittime della camorra

Venerdì 27 Maggio 2022 di Gigi Di Fiore
CrimiNapoli 32 / La strage degli innocenti: tutti i bambini vittime della camorra

Un luogo comune ricorrente, una favola inventata quella sulla camorra che non uccide i bambini. Parlano chiaro i dati raccolti dalla fondazione Polis: 24 bambini uccisi nel corso di agguati, o perché erano con familiari diventati bersagli dei killer, o perché sono stati colpiti da proiettili vaganti. Un dato tremendo, che va aggiunto a 12 adolescenti, tra i 13 e 18 anni, anche uccisi da agguati camorristici. Fanno un totale di 36 vittime minorenni. E Polis ha chiamato questa tremenda rassegna “la strage degli innocenti”. Tanto per smentire la favola della camorra che non tocca i bambini.

Simonetta e Fabio

Di chiamava Simonetta Lamberti, la figlia del magistrato Alfonso allora in servizio a Sala Consilina. Aveva solo undici anni, quel maggio del 1982 Era proprio il magistrato il bersaglio dei killer della camorra in un tremendo, su cui ha tenuto viva la memoria la mamma Angela Procaccini e la sorella della piccola Simonetta. Proprio Angela Procaccini ha sempre raccontato: “Quel giorno mio marito voleva portare al mare il mio primo figlio Francesco, che però non volle andarci. Al suo posto, andò Simonetta che io incoraggiai ad accompagnare il padre. Uscirono alle due, un'ora dopo arrivarono i poliziotti per dirmi che era ferita. Con una amica corremmo in ospedale, ma nel mio cuore sapevo che non c'era niente da fare”. L’auto del magistrato con la figlia si dirigeva da Cava dei Tirreni a Vietri sul mare. Controversa e non ancora accertata la verità giudiziaria sull’agguato. Alla piccola Simonetta Lamberti è intitolato lo stadio di Cava dei Tirreni.

 

Anche Fabio De Pandi aveva undici anni in quel luglio del 1991. Fu colpito durante un conflitto a fuoco tra i clan Puccinelli e Perrella nell’area del rione Traiano. Il piccolo riuscì a dire al padre, poco prima di morire, solo di sentire un forte bruciore in petto. Dal braccio, il proiettile aveva perforato il torace. Una vittima innocente, di chi non andava tanto per il sottile a sparare in pieno giorno e in strade frequentate da passanti estranei completamente ai clan. Come il piccolo Fabio. Vennero tutti arrestati i responsabili, erano affiliati al clan Puccinelli.

Luigi

Luigi Cangiano, che tutti chiamavano Gigi, aveva invece dieci anni quando venne ucciso al rione Siberia dietro corso Malta nel quartiere di Poggioreale. Era il dicembre del 1983, Gigi era l’ultimo di dieci figli. Stava giocando con degli amici quando iniziò un conflitto a fuoco tra agenti di polizia della squadra narcotici e un gruppo di spacciatori. Quando il fuoco terminò, Gigi era a terra morto. La sua storia viene ricordata in un cartello del quartiere: “Gigi era un bambino esile e dimostrava meno anni di quelli che aveva. Non andava più a scuola, dopo due bocciature in terza elementare. Aiutava la mamma, che faceva la venditrice ambulante, per mantenere la famiglia”. Poco tempo prima di essere ucciso da un proiettile vagante, Gigi si era riavvicinato alla scuola attraverso la Comunità di Sant’Egidio, che aveva avviato un doposcuola nel quartiere.

Il neonato

La sera del 19 maggio del 1990 al Cardarelli venne portato il piccolo Nunzio Pandolfi. Due anni appena. Il suo corpo era crivellato di colpi. Un agguato spietato. Nunzio era in braccio al padre, vero bersaglio dei killer e autista del boss Luigi Giuliano, nella sua casa alla Sanità. Chi doveva eseguire la missione di morte non si fermò di fronte a quel bambino. Erano i killer dell’Alleanza di Secondigliano, che volevano colpire un affiliato dei Giuliano. Fu un inferno di fuoco, la polizia scientifica individuò in 12 metri quadri ben 14 bossoli calibro 9 e calibro 22. Gennaro Pandolfi, 29 anni, venne ucciso con il suo piccolo Nunzio in braccio. Un proiettile centrò il bambino al cuore. Altre quattro persone, che si trovavano in casa in quel momento, rimasero ferite. All’ospedale Santobono, quel giorno era di turno Paolo Siani che ha raccontato: “Quando arrivò il piccolo, noi medici rimanemmo impietriti. I chirurghi, abituati a intervenire sugli adulti, erano sconvolti. Non ci era mai capitato di dover curare un corpo così piccolo straziato dai proiettili”. Ai funerali, il parroco don Franco Rapullino urlò la sua rabbia e la disperazione per quella vittima innocente: “fujtevenne ‘a Napule” disse.

Tanti bambini, tante storie di innocenti. Come Ciro Zirpoli, 16 anni, ucciso nel 1997 da due killer che gli spararono su una moto a Ercolano. La sua colpa era di essere figlio di Leonardo Zirpoli diventato collaboratore di giustizia sul can Ascione. Una vendetta trasversale. Spietati gli uomini del clan che, non contenti, vandalizzarono anche la tomba del ragazzino.

Un elenco pietoso e triste, con tanti nomi ancora: Gioacchino Costanzo, Annalisa Durante, Valentina Terracciano, Carmela Pannone, Andrea Esposito. Erano dei bambini anche tre vittime della bomba sul rapido 904 Napoli-Milano: Federica Taglialatela, Anna e Giovanni De Simone. Il loro ricordo viene mantenuto vivo dalla fondazione Polis. La camorra non si ferma dinanzi ai bambini. Se hanno un mandato di morte, i killer sparano. E uccidono i piccoli.

 

Le altre puntate di CrimiNapoli 

 

Gli agguati in trasferta: quando il commando dei killer colpisce al mare

I bunker dei latitanti di camorra 

Come la Spagna divenne rifugio dei clan di camorra

Pupetta Maresca e le lettere a Pascalone 'e Nola della prima donna della camorra

Da Sibillo a De Micco, i tatuaggi della camorra

Le donne del clan Giuliano 

'O malommo e la grazia di Saragat 

Quei boss che scelsero il suicidio 

Quando il boss Cutolo scriveva poesie 

Da Silvia a Lucia, storie di donne contro la camorra

Cutolo e il fondo di Ciro Paglia sul Mattino

Lucky Luciano e il giallo della morte 

Setola e la stagione stragista dei Casalesi 

L'aereo della camorra contro Ferlaino 

Quando la camorra usava le autobombe

Zaza e i signori del contrabbando 

La clamorosa fuga di Autorino e Cesarano 

Navarra, il re di Poggioreale 

Alfieri e il falso rapimento del figlio 

La strage del Rapido 904 

Nuvoletta e la masseria delle decisioni di sangue 

Russo e la poesia per il capoclan 

Barracano e i guappi che ispirarono Eduardo 

La morte dell'agente D'Addario 

Cutolo e il massacro in carcere 

La vera storia della conchiglia di Maradona 

Anceschi, il maggiore di Mussolini 

Joe Petrosino, il poliziotto buono 

Abbatemaggio, il primo pentito 

Ultimo aggiornamento: 28 Maggio, 12:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA