La sirena che placa l'ardore del Vesuvio (e dei napoletani)

Domenica 14 Ottobre 2018 di Vittorio Del Tufo
La sirena che placa l'ardore del Vesuvio (e dei napoletani)
«Angelo o Sirena, cosa importa se tu - fata dagli occhi di velluto, ritmo, luce, profumo,o mia sola regina! - mi rendi meno ripugnante l'universo, meno grevi gli istanti?» (Charles Baudelaire, Inno alla bellezza).

* * *
La donna-uccello spegne il fuoco con l'acqua che le sgorga dai seni. Il suo aspetto, per nulla rassicurante, è quello di un mostrum, busto e testa di donna, zampe e ali di uccello. La primitiva Sirena, alata e senza la...
Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA